Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

Maelstrom - Oathbreaker (Deatwish)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Oathbreaker - Maelstrom
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione: Michael Neyt
Genere: punk / post-hardcore / post-metal
Scheda autore: Oathbreaker



Dal Belgio posthardcore degli Amen Ra si aggiungono gli Oathbreaker, che dei nuovi entrati di casa Neurot condividono un chitarrista e l'ospitata in un brano del cantante Colin.

Rispetto ai colleghi la band arriva subito all'etichetta "grossa", ovvero la Deathwish di casa Converge, grazie anche al lavoro dietro alle manopole di Kurt Ballou.

I nostri suonano un hardcore metallizzato piuttosto cupo e apocalittico, ma rispetto agli Amen Ra suonano al doppio della velocita', ricordando quindi le produzioni piu' hardcore/death dell'etichetta.

Oathbreaker pero' mostrano di possedere alcuni numeri potenzialmente interessanti. In primis la violenta voce della cantante Caro, che mostra pure doti "soul" nello struggente finale di disco, poi per una discreta varieta' di fondo che regala un songwriting interessante ed ispirato. Purtroppo niente di originale, ma nei due brani finali la band mostra numeri che valgono da soli il prezzo del biglietto.

"Glimpse Of The Sun" ha un andamento "post" apocalittico di grande groove. Ovviamente la discendenza con gli AmenRa qua e' decisamente palese. Infine la title-track suonata in punta di dita evoca morbidezze folk totalmente inaspettate.

Una band da tenere d'occhio a cui auguriamo di non cadere nel dimenticatoio.

[Dale P.]

Canzoni significative: Glimpse Of The Sun, Maelstrom


Questa recensione Ú stata letta 1305 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Orange Man Theory, The - Riding A Cannibal Horse From Here ToOrange Man Theory, The
Riding A Cannibal Horse From Here To
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson
Dillinger Escape Plan - & Mike Patton Irony Is A Dead SceneDillinger Escape Plan
& Mike Patton Irony Is A Dead Scene
Locust - Plague SoundscapesLocust
Plague Soundscapes
Blood Brothers - Burn Piano Island BurnBlood Brothers
Burn Piano Island Burn
Hurt Process - Drive By MonologueHurt Process
Drive By Monologue
Engineer - Crooked VoicesEngineer
Crooked Voices
Converge - Jane DoeConverge
Jane Doe
Will Haven - Will HavenWill Haven
Will Haven
At The Drive-In - Relationship Of CommandAt The Drive-In
Relationship Of Command