Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

The Aether Eater - Odawas (Jagjaguwar)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Odawas - The Aether Eater
Voto:
Etichetta: Jagjaguwar
Anno: 2005
Produzione:
Genere: indie / pop /



Esordio discografico per Odawas, trio americano formatosi nel 2003 a Bloomington (IN).

Questo “The Aether Eater” è il disco del 2005 che più di tutti mi ha strabiliato. Appena l’ho sentito sono rimasto letteralmente a bocca aperta. Francamente non credevo potesse uscire ancora roba di questo spessore artistico. Mi sono ricreduto.

Io dò molto credito ai segni del destino e “The Aether Eater” è esemplare sotto questo profilo. In Agosto trascorsi 5 giorni a Berlino. Una mattina la passammo dentro ad un supermercato in Alexander Platz ed è stato lì che casualmente (al punto di ascolto) trovai alcuni cd sparpagliati su una mensolina. Tra questi c’era anche quello degli Odawas. Incuriosito dalla copertina, appoggiai il mio consistente mucchietto di dischi presi dagli scaffali (eh oh…c’era roba difficilmente reperibile in Italia per di più a prezzi stracciati) e mi misi ad ascoltarlo….Per le reazioni, vi rimando sopra. Ma passiamo ora al disco.

Il pezzo d’apertura è un trip tanto rilassante quanto estraniante. La chitarra acustica, gli effetti sonori e la voce, sembrano provenire dagli abissi del mare. Questa sensazione di “lontananza” è ben presente anche in tracce come “Benjamin”, “Bones of Pangea” e “The golden fog”. I suoni nel complesso sono incredibilmente originali e ,il più delle volte, proiettati nel futuro. Sinceramente questo disco è difficile da collocare in un contesto preciso. Una cosa è certa: gli Odawas fanno coi loro strumenti un ottimo romanticismo, eclettico e molto personale.

Quanto detto sopra, è evidente nei suggestivi intrecci vocali che accompagnano per mano la vellutata “The unnamed sphinx” e in “Behind the moon”. Trova il suo spazio nella tracklist anche una jam sottomarina guidata da un sax tenebroso che ricorda vagamente i Morphine. “Songs of the temptations” è il pezzo in questione.

Se dovessi descrivere infine questo disco usando 5 aggettivi, direi: freddo, profondo, lontano, spettrale e romantico. So già che questo cd sarà la mia colonna sonora invernale.

Con un debutto del genere c’è da sperare bene e per l’avvenire della band e per la possibilità di vederli suonare in Italia. Lo spero davvero.

[Dani Mani]

Canzoni significative: tutte

Questa recensione é stata letta 4546 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Pecksniff - The Book Of Stanley CreepPecksniff
The Book Of Stanley Creep
Smog - Knock KnockSmog
Knock Knock
Ken Stringfellow - TouchedKen Stringfellow
Touched
John Frusciante - To Record Only Water For Ten DaysJohn Frusciante
To Record Only Water For Ten Days
Vincent Gallo - WhenVincent Gallo
When
Moldy Peaches, The - The Moldy PeachesMoldy Peaches, The
The Moldy Peaches
Stephen Malkmus - Stephen MalkmusStephen Malkmus
Stephen Malkmus
Breakfast - Ordinary HeroesBreakfast
Ordinary Heroes
Perturbazione - In CircoloPerturbazione
In Circolo
Tbh - Tutti Contro BobTbh
Tutti Contro Bob