Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

No Code - Pearl Jam (Epic)

Ultime recensioni

Kytaro - White Noise For KidsKytaro
White Noise For Kids
Black Road - Witch Of The FutureBlack Road
Witch Of The Future
Midnight - Rebirth By BlasphemyMidnight
Rebirth By Blasphemy
Nero Di Marte - ImmotoNero Di Marte
Immoto
Mortiis - Spirit Of RebellionMortiis
Spirit Of Rebellion
Bohren & Der Club Of Gore - Patchouli BlueBohren & Der Club Of Gore
Patchouli Blue
Kirk Windstein - Dream In MotionKirk Windstein
Dream In Motion
Konvent - Puritan MasochismKonvent
Puritan Masochism
Calibro 35 - MomentumCalibro 35
Momentum
Sons - Family DinnerSons
Family Dinner
Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator

Pearl Jam - No Code
Voto:
Etichetta: Epic
Anno: 1996
Produzione:
Genere: rock / grunge / alternative
Scheda autore: Pearl Jam



La vita ritrovata. La band rischia lo scioglimento durante lo stremante tour di Vitalogy e ognuno si dedica a qualche side-project. McCready fonda con Layne Staley i Mad Season, Jeff Ament i Three Fish. Stone Gossard prosegue la sua attività con l'etichette Loosegroove. Dave Abbruzzese nel frattempo ha lasciato la band (appena terminate le registrazioni di Vitalogy) e Jack Irons (ricordate la storiella di Ten??) ha raggiunto i nostri dietro alle pelli. C'è aria di normalizzazione. Neil Young li invita in studio a registrare Mirrorball come backing band. Eddie collabora con Nusrah Fateh Alì Khan per la colonna sonora di Dead Man Walking. Tutte cose che finiranno per influenzare No Code, disco della rinascita dei Pearl Jam. Non che fossero mai morti o che fossero decaduti o chissà che. La band, con questo disco, trova la sua dimensione naturale di "rock band" libera di sperimentare e, finalmente, vendendo cifre di dischi più umane (un milione di copie sarà la media da qua in poi). Apre la dolce "Sometimes" preghiera pagana in cui Eddie capisce di essere solo "un libro fra i tanti", a cui segue la tosta "Hail Hail". Questi due episodi non offrono grosse chiavi di lettura per il resto dell'album. "Who You Are" è tribale e cantalenante. Verrà estratto come primo singolo dell'album (ovvero tirarsi le martellate nelle palle da soli!!). Grande il contributo di Jack Irons nella successiva "In My Tree", ultima invettiva anti-celebrità di Eddie. I testi subiscono la prima mutazione. Basta storie dirette, d'ora in poi Eddie diventerà notevolmente più ermetico, raggiungendo notevoli vette poetiche. Eccezione alla regola è la younghiana "Off He Goes" (ma il vecchio Neil si sente anche in "Smile"), ballata delle più classiche. La seconda facciata dell'album risulta notevolmente superiore rispetto alla prima: "Habit" ricorda i Nirvana di "Bleach", "Red Mosquito" è stata scritta da Eddie in ospedale, "Lukin" è un furioso punk da un minuto dedicata al bassista dei Mudhoney (ed ex Melvins) Matt Lukin. "Present Tense" è uno degli apici musicale e lirici mai raggiunti dalla band, da ascoltare. "Mankind" è un rockettino semplice cantato da Stone e "I'm Open" è un brano perlopiù parlato con un testo magnifico. Gran finale con la ninnananna "Around The Bend" per la figlia di Jack Irons. Ovviamente il disco sarà ricordato anche per la confezione apribile con, all'interno, alcune polaroid scattate dalla band. E' grazie a questo disco che si capisce la grandezza della band.

[Dale P.]

Canzoni significative: Present Tense, I'm Open, In My Tree.

Questa recensione é stata letta 10006 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Pearl Jam - BackspacerPearl Jam
Backspacer
Pearl Jam - BinauralPearl Jam
Binaural
Pearl Jam - Immagine In Cornice [DVD]Pearl Jam
Immagine In Cornice [DVD]
Pearl Jam - Live At Easy Street EPPearl Jam
Live At Easy Street EP
Pearl Jam - Live At The Garden [DVD]Pearl Jam
Live At The Garden [DVD]
Pearl Jam - Lost DogsPearl Jam
Lost Dogs
Pearl Jam - Pearl JamPearl Jam
Pearl Jam
Pearl Jam - Riot ActPearl Jam
Riot Act
Pearl Jam - TenPearl Jam
Ten
Pearl Jam - VitalogyPearl Jam
Vitalogy
Pearl Jam - VsPearl Jam
Vs
Pearl Jam - YieldPearl Jam
Yield

Live Reports

20/06/2000VeronaArena
22/06/2000MilanoFilaforum
14/09/2006BolognaPalamalaguti
20/09/2006PistoiaPiazza Duomo
15/06/2007VeneziaHeineken Jammin Festival
24/06/2008New YorkMadison Square Garden

NEWS


08/12/2011 Annunciano Il Tour Europeo
17/07/2010 Video di Amongst The Waves
26/01/2007 Data Estiva In Italia
23/04/2006 Cinque Concerti In Italia
05/03/2006 In Arrivo il Nuovo Album
07/02/2006 Il Tour Parte Dall'Italia?
17/03/2005 Qualche Nuova Certezza
06/12/2004 Rumor Pit

tAXI dRIVER consiglia

Green River - Dry As A Bone/Rehab DollGreen River
Dry As A Bone/Rehab Doll
Pearl Jam - TenPearl Jam
Ten
Pearl Jam - VitalogyPearl Jam
Vitalogy
Soundgarden - BadmotorfingerSoundgarden
Badmotorfinger
Hole - Live Through ThisHole
Live Through This
Soundgarden - SuperunknownSoundgarden
Superunknown
Pearl Jam - No CodePearl Jam
No Code
Soundgarden - Ultramega OkSoundgarden
Ultramega Ok
AA.VV. - Singles SoundtrackAA.VV.
Singles Soundtrack
Lingua - The Smell Of A Life That Could Have BeenLingua
The Smell Of A Life That Could Have Been