Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

The Book Of Stanley Creep - Pecksniff (Black Candy)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Pecksniff - The Book Of Stanley Creep
Voto:
Etichetta: Black Candy
Anno: 2004
Produzione:
Genere: indie / pop /
Scheda autore: Pecksniff



Fremevo nell'attesa di questo nuovo album dei Pecksniff. Il precedente "Elementary Watson" uno dei dischi pi illuminanti degli ultimi anni. Lo-fi indie rock suonato con strumenti casuali (spesso giocattoli), incuranza delle norme pi elementari di melodia e accordatura, precisione e tecnica. Eppure entrato nel cuore di tutti coloro che lo hanno ascoltato (pochi presumo).

Il quarto album, il primo per Black Candy e distribuito da Audioglobe (quindi non avete pi scuse) mi incuriosiva anche per la produzione. L'album, infatti, stato registrato e mixato dai due Breakfast Maurice e Enrico, tra le menti pi illuminate del pop trasversale tricolore.

Se il primo "Elementary Watson" si perdeva tra citazioni Pastels / Pavement, in "The Book Of Stanley Creep" entrano in gioco nuovi nomi e suoni. E' la psichedelia dei primi Mercury Rev (quelli belli rumorosi di "Yerself Is Steam" e "Boces"), dei Flaming Lips giocosi e pacchiani, il gusto della sorpresa dei dEUS e la perenna stonatura di Stephen Malkmus.

"The Book Of Stanley Creep" risulta quindi un gioiello di "pop spontaneo", un'evoluzione del precedente e una bella carta da giocarsi presso il pubblico che non si ancora accorto di loro.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione stata letta 2749 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Pecksniff - Elementary WatsonPecksniff
Elementary Watson
Pecksniff - Honey YouPecksniff
Honey You're Murdering Me

tAXI dRIVER consiglia

Pecksniff - The Book Of Stanley CreepPecksniff
The Book Of Stanley Creep
Breakfast - Ordinary HeroesBreakfast
Ordinary Heroes
Smog - Knock KnockSmog
Knock Knock
Breakfast - BreakfastBreakfast
Breakfast
AA.VV. - Lo Zecchino DAA.VV.
Lo Zecchino D'Oro Dell'Underground
Pecksniff - Elementary WatsonPecksniff
Elementary Watson
Perturbazione - Waiting To HappenPerturbazione
Waiting To Happen
Breakfast - Carry On EPBreakfast
Carry On EP
Perturbazione - In CircoloPerturbazione
In Circolo
Maisie - Bacharach For President...Maisie
Bacharach For President...