Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

The Book Of Stanley Creep - Pecksniff (Black Candy)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Pecksniff - The Book Of Stanley Creep
Voto:
Etichetta: Black Candy
Anno: 2004
Produzione:
Genere: indie / pop /
Scheda autore: Pecksniff



Fremevo nell'attesa di questo nuovo album dei Pecksniff. Il precedente "Elementary Watson" uno dei dischi pi illuminanti degli ultimi anni. Lo-fi indie rock suonato con strumenti casuali (spesso giocattoli), incuranza delle norme pi elementari di melodia e accordatura, precisione e tecnica. Eppure entrato nel cuore di tutti coloro che lo hanno ascoltato (pochi presumo).

Il quarto album, il primo per Black Candy e distribuito da Audioglobe (quindi non avete pi scuse) mi incuriosiva anche per la produzione. L'album, infatti, stato registrato e mixato dai due Breakfast Maurice e Enrico, tra le menti pi illuminate del pop trasversale tricolore.

Se il primo "Elementary Watson" si perdeva tra citazioni Pastels / Pavement, in "The Book Of Stanley Creep" entrano in gioco nuovi nomi e suoni. E' la psichedelia dei primi Mercury Rev (quelli belli rumorosi di "Yerself Is Steam" e "Boces"), dei Flaming Lips giocosi e pacchiani, il gusto della sorpresa dei dEUS e la perenna stonatura di Stephen Malkmus.

"The Book Of Stanley Creep" risulta quindi un gioiello di "pop spontaneo", un'evoluzione del precedente e una bella carta da giocarsi presso il pubblico che non si ancora accorto di loro.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione stata letta 2771 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Pecksniff - Elementary WatsonPecksniff
Elementary Watson
Pecksniff - Honey YouPecksniff
Honey You're Murdering Me

tAXI dRIVER consiglia

Elliott Smith - Figure 8Elliott Smith
Figure 8
Breakfast - BreakfastBreakfast
Breakfast
Devendra Banhart - Rejoicing In The HandsDevendra Banhart
Rejoicing In The Hands
Tbh - Emanuele Dopo EPTbh
Emanuele Dopo EP
Beck - Sea ChangeBeck
Sea Change
Breakfast - Carry On EPBreakfast
Carry On EP
Breakfast - Ordinary HeroesBreakfast
Ordinary Heroes
Tbh - Tutti Contro BobTbh
Tutti Contro Bob
AA.VV. - Lo Zecchino DAA.VV.
Lo Zecchino D'Oro Dell'Underground
Teenage Fanclub - & Jad Fair - Words Of Wisdom & HopeTeenage Fanclub
& Jad Fair - Words Of Wisdom & Hope