Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

Pecksniff - The Book Of Stanley Creep (Black Candy)

Ultime recensioni

Brad - In The Moment That YouBrad
In The Moment That You're Born
Persekutor - Snow BusinessPersekutor
Snow Business
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons
Baroness - StoneBaroness
Stone
Benefits - NailsBenefits
Nails
Sprain - The Lamb As EffigySprain
The Lamb As Effigy
Blut Aus Nord - Disharmonium - NahabBlut Aus Nord
Disharmonium - Nahab
Be Your Own Pet - MommyBe Your Own Pet
Mommy
Crawl - DamnedCrawl
Damned
The Armed - Perfect SaviorsThe Armed
Perfect Saviors
Home Front - Games of PowerHome Front
Games of Power
Mizmor - ProsaicMizmor
Prosaic
Spotlights - Alchemy For The DeadsSpotlights
Alchemy For The Deads
Mutoid Man - MutantsMutoid Man
Mutants
 AA.VV. - Superunknown Redux AA.VV.
Superunknown Redux
Somnuri - DesideriumSomnuri
Desiderium
Godflesh - PurgeGodflesh
Purge
Hasard - MalivoreHasard
Malivore
Khanate - To Be CruelKhanate
To Be Cruel
Divide And Dissolve - SystemicDivide And Dissolve
Systemic

Pecksniff - The Book Of Stanley Creep
Autore: Pecksniff
Titolo: The Book Of Stanley Creep
Etichetta: Black Candy
Anno: 2004
Produzione:
Genere: indie / pop /

Voto:



Fremevo nell'attesa di questo nuovo album dei Pecksniff. Il precedente "Elementary Watson" uno dei dischi pi illuminanti degli ultimi anni. Lo-fi indie rock suonato con strumenti casuali (spesso giocattoli), incuranza delle norme pi elementari di melodia e accordatura, precisione e tecnica. Eppure entrato nel cuore di tutti coloro che lo hanno ascoltato (pochi presumo).

Il quarto album, il primo per Black Candy e distribuito da Audioglobe (quindi non avete pi scuse) mi incuriosiva anche per la produzione. L'album, infatti, stato registrato e mixato dai due Breakfast Maurice e Enrico, tra le menti pi illuminate del pop trasversale tricolore.

Se il primo "Elementary Watson" si perdeva tra citazioni Pastels / Pavement, in "The Book Of Stanley Creep" entrano in gioco nuovi nomi e suoni. E' la psichedelia dei primi Mercury Rev (quelli belli rumorosi di "Yerself Is Steam" e "Boces"), dei Flaming Lips giocosi e pacchiani, il gusto della sorpresa dei dEUS e la perenna stonatura di Stephen Malkmus.

"The Book Of Stanley Creep" risulta quindi un gioiello di "pop spontaneo", un'evoluzione del precedente e una bella carta da giocarsi presso il pubblico che non si ancora accorto di loro.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione stata letta 3008 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Pecksniff - Elementary WatsonPecksniff
Elementary Watson
Pecksniff - Honey YouPecksniff
Honey You're Murdering Me

tAXI dRIVER consiglia

Stephen Malkmus - Stephen MalkmusStephen Malkmus
Stephen Malkmus
Enon - High SocietyEnon
High Society
John Frusciante - To Record Only Water For Ten DaysJohn Frusciante
To Record Only Water For Ten Days
Egokid - The Egotrip Of The EgokidEgokid
The Egotrip Of The Egokid
Prague - / My Dear Killer - Split EPPrague
/ My Dear Killer - Split EP
New Pornographers, The - Mass RomanticNew Pornographers, The
Mass Romantic
Wilco - Yankee Hotel FoxtrotWilco
Yankee Hotel Foxtrot
Teenage Fanclub - & Jad Fair - Words Of Wisdom & HopeTeenage Fanclub
& Jad Fair - Words Of Wisdom & Hope
Moldy Peaches, The - The Moldy PeachesMoldy Peaches, The
The Moldy Peaches
Bugo - Sentimento WesternatoBugo
Sentimento Westernato