Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

II - Psychic Paramount (No Quarter)

Ultime recensioni

AA.VV. - What Is This That Stands Before Me?AA.VV.
What Is This That Stands Before Me?
Deafbrick - DeafbrickDeafbrick
Deafbrick
Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
L.A.Witch - Play With FireL.A.Witch
Play With Fire
Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_RaŘl RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_RaŘl Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death

Psychic Paramount - II
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione:
Genere: rock / noise / mathrock



Vi ricordate dei Laddio Bolocko? Nati da un frammento schizzato via dal collasso dei seminali Dazzling Killmen, ovvero il batterista Blake Fleming, nella loro brevissima carriera, alla fine degli anni Novanta, ci regalarono due eccellenti album di math-rock duro e ricercato, "Strange Warmings Of Laddio Bolocko" e "In Real Time", opere che vanno obbligatoriamente rispolverate (li trovate accorpati nell'ottimo compendio "The Life & Times Of Laddio Bolocko", che include anche l'Ep "As If By Remote"). Nei Psychic Paramount Fleming non e' della partita, ma lo sono i suoi ex-compagni di ventura Ben Armstrong e Drew St.Ivany, rispettivamente basso e chitarra nei Laddio Bolocko, appunto. Dietro le pelli siede invece Jeff Conaway, gia' nei Sabers, autori di unico lavoro di ambient krautica, l'interessante "Specter" uscito per Neurot nel 2003. Per chiudere le note biografiche ci basta solo informarvi che i Psychic Paramount tornano sulle scene con "II" sei anni a ridosso da "Gamelan Into The Mink Supernatural", cinque composizoni di pura sperimentazione tra Storm & Stress, Lightning Bolt e avvincenti divagazioni psych-kraut.

In sei anni non e' cambiato molto nei paradigmi compositivi della band, eccezion fatta per un approccio ancor piu' muscolare. Dai Laddio Bolocko i nostri si son portati la tendenza alla melodia strumentale la' dove questa riesce a farsi spazio nell'isterico groviglio di ritmiche claudicanti alla Fugazi e propulsioni alla Can piu' cosmici.

Per riassumere l'essenza di "II" basta tirare in ballo la strepitosa "DDB" (i titoli ricordano vagamente quelli dei Battles degli Ep, e le somiglianze non si fermano qui), ovvero un'odissea math-prog che si dimena tra deviazioni verso politonalita' kraut, sferzanti aperture metalliche a' la Don Caballero, ritmiche sostenute che hanno non poco da spartire con le cavalcate delle soundtrack poliziesche anni '70, laccature melodiche squisitamente post-rock, tutto concentrato in uno dei brani piu' esaltanti ascoltati in questo primo scorcio di 2011. In "RW" si fanno avanti i glitch ossessivi dei primi Battles (ve l'avevamo detto), e non vengono ricusate le rarefatte sospensioni ambient nella coda di "N5", mentre in "Isolated" divampano le minacciose fiamme dei King Crimson di "Indiscipline".

Le trame strumentali sono ben elaborate e non sconfinano in monologhi autoreferenziali, bensi' il punto di forza di "II" e' la sua struttura organica, fondata su un gioco ad incastri che lascia ad ognuno dei tre strumentisti la possibilita' di inserirsi in un trilaterale rapporto dialogico.

I Psychic Paramount riescono a coniugare complessita' strumentali ad un approccio melodico fruibile (nei limiti del possibile), un'impresa alquanto ardua ed uno dei grandi limiti del movimento math-rock che, seppur defilatosi nei gusti degli aggiornatissimi cultori delle sonorita' "altre", si mantiene ancora oggi in vita nel suo agitato sottobosco. Chi conosce e ama il passato di Armstrong e St.Ivany sa gia' che qui trovera' solo materia di pregiata fattura.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: DDB, Insolated, N5.


Questa recensione Ú stata letta 1952 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Lucertulas - Tragol De RovaLucertulas
Tragol De Rova
Il Teatro Degli Orrori - / Zu - SplitIl Teatro Degli Orrori
/ Zu - Split
Dead Elephant - ThanatologyDead Elephant
Thanatology
High Confessions, The - Turning Lead Into Gold With The High ConfessionsHigh Confessions, The
Turning Lead Into Gold With The High Confessions
Jesus & Mary Chain - PsychocandyJesus & Mary Chain
Psychocandy
Dead Elephant - Sing The Separation EPDead Elephant
Sing The Separation EP
Permanent Fatal Error - Law SpeedPermanent Fatal Error
Law Speed
Arabrot - Solar AnusArabrot
Solar Anus
AA.VV. - FragmentsAA.VV.
Fragments
... And You Will Know Us By The Trail Of Dead - Source Tags & Codes... And You Will Know Us By The Trail Of Dead
Source Tags & Codes