´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Pupil Slicer - Mirrors (Prosthetic)

Ultime recensioni

Brad - In The Moment That YouBrad
In The Moment That You're Born
Persekutor - Snow BusinessPersekutor
Snow Business
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons
Baroness - StoneBaroness
Stone
Benefits - NailsBenefits
Nails
Sprain - The Lamb As EffigySprain
The Lamb As Effigy
Blut Aus Nord - Disharmonium - NahabBlut Aus Nord
Disharmonium - Nahab
Be Your Own Pet - MommyBe Your Own Pet
Mommy
Crawl - DamnedCrawl
Damned
The Armed - Perfect SaviorsThe Armed
Perfect Saviors
Home Front - Games of PowerHome Front
Games of Power
Mizmor - ProsaicMizmor
Prosaic
Spotlights - Alchemy For The DeadsSpotlights
Alchemy For The Deads
Mutoid Man - MutantsMutoid Man
Mutants
 AA.VV. - Superunknown Redux AA.VV.
Superunknown Redux
Somnuri - DesideriumSomnuri
Desiderium
Godflesh - PurgeGodflesh
Purge
Hasard - MalivoreHasard
Malivore
Khanate - To Be CruelKhanate
To Be Cruel
Divide And Dissolve - SystemicDivide And Dissolve
Systemic

Pupil Slicer - Mirrors
Autore: Pupil Slicer
Titolo: Mirrors
Etichetta: Prosthetic
Anno: 2021
Produzione: Pedram Valiani
Genere: metal / progressive / mathcore

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Mirrors





Il mathcore era un genere che andava parecchio di moda un bel po' di anni fa, complice il relativo successo dei Dillinger Escape Plan, Botch e Converge. A metterci lo zampino fu anche Mike Patton che con i Fantomas prese in mano la generazione che stava crescendo con i System Of A Down e gli disse "venite qui e non perdete tempo". In un attimo il gruppo di Serj Tankian divenne obsoleto e noioso.

Arrivarono decine di band simili: Into The Moat, Psyopus, Ephel Duath, Blood Brothers, Locust. Poi scese sul genere l'influenza gigantesca dei Meshuggah e le band mollarono l'attitudine "post-hardcore" iniziando a fare giochetti ritmici con chitarroni ribassati e stacchi tamarri. Il genere cambi˛ pelle e via via si Ŕ evoluto fino ad oggi in band tipo Jinjer e Code Orange.

Cosa c'entra tutto questo discorso con i Pupil Slicer? C'entra perchŔ il trio inglese riprende l'impatto mathcore dei primi tempi, quelli dei Dillinger Escape Plan a cavallo tra Calculating Infinity e l'EP con Mike Patton. Lo riprende talmente bene che ogni tanto ci si aspetterebbe la voce delirante dell'ex (?) Faith No More. Pochissimi gli stacchi djent (anzi praticamente nulli) e tanto impatto storto ma bello tosto. Sono solo in tre ma sembrano 45!! Li promuoviamo? Si!

[Dale P.]

Canzoni significative: Vilifield, Wounds Upon My Skin.


Questa recensione Ú stata letta 226 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Blood Incantation - Hidden History Of Human RaceBlood Incantation
Hidden History Of Human Race
Intronaut - Null EPIntronaut
Null EP
Opeth - HeritageOpeth
Heritage
Sadist - TribeSadist
Tribe
Meshuggah - Catch 33Meshuggah
Catch 33
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Ephel Duath - Pain Necessary To KnowEphel Duath
Pain Necessary To Know
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Dysrhythmia - PretestDysrhythmia
Pretest
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy