Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Broken Boy Soldier - Raconteurs, The (XL)

Ultime recensioni

The Silence - Metaphysical FeedbackThe Silence
Metaphysical Feedback
Lo Pan - SubtleLo Pan
Subtle
William Duvall - One AloneWilliam Duvall
One Alone
Werian - AnimistWerian
Animist
Deathspell Omega - The Furnaces Of PalingenesiaDeathspell Omega
The Furnaces Of Palingenesia
Blut Aus Nord - HallucinogenBlut Aus Nord
Hallucinogen
30000 Monkies - Are Forever30000 Monkies
Are Forever
Idles - A Beautiful Thing Idles Live At Le BataclanIdles
A Beautiful Thing Idles Live At Le Bataclan
Om - BBC Radio 1Om
BBC Radio 1
Domkraft - Slow FidelityDomkraft
Slow Fidelity
Hexgrafv - RitualHexgrafv
Ritual
Stew - PeopleStew
People
The Lunar Effect -  Calm Before The CalmThe Lunar Effect
Calm Before The Calm
Yung Druid - Yung DruidYung Druid
Yung Druid
Ruff Majik - TarnRuff Majik
Tarn
Green Lung - Woodland RitesGreen Lung
Woodland Rites
The Black Heart Death Cult - The Black Heart Death CultThe Black Heart Death Cult
The Black Heart Death Cult
Tropical Trash - Southern Indiana Drone FootageTropical Trash
Southern Indiana Drone Footage
Shit And Shine - Doing Drugs, Selling DrugsShit And Shine
Doing Drugs, Selling Drugs
Mammoth Weed Wizard Bastard - Yn Ol I AnnwnMammoth Weed Wizard Bastard
Yn Ol I Annwn

Raconteurs, The - Broken Boy Soldier
Voto:
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / alternative / garage
Scheda autore: Raconteurs, The



Se il rock garage negli anni duemila è vivo, parte del merito lo si deve a Jack White che, in questa occasione, è capace di scrollarsi di dosso sua Moglie/Sorella (cosa mai capita).

Che Jack ami la scena musicale 60 e 70 non è altresi una novità.

Questo “Broken boy soldier” è composto da 10 track dove appare subito evidente che non si è cercato di seguire uno schema, un filo, bensi spazio alla voglia di suonare e far musica.

“Steady as she goes” inizia con un riff lancinante e l’esplosione sonora del chorus avvolge completamente la voce del mezzo Stripes.

“Hands” propone un pop dove l'interessante lavoro vocale di Jack e Brendan è capace di ricreare le atmosfere delle sovraincisioni tipiche del beat sixties.

La title-track riporta alla schiettezza di “De Stijl”, mentre vintage ed elettronica si mescolano nella psichedelica “Intimate Secretary”.

Se “Together” (con Brendan Benson alla voce e Jack White backing) non è in grado di farvi incantare conviene per voi spegnere il lettore.

Di questa produzione la cosa che colpisce maggiormente sono gli intro e i cori mai banali, vedi ad esempio “Level”, ma probabilmente se mi doveste chiedere chi sono i Raconteurs, vi farei sentire “Store Bought Bones”, senza dubbio il brano capace di condensare meglio la loro musica.

In “Yellow sun” e ”Call It A Day” la semplicità regna sovrana scivolando via agevolmente verso una magistrale e conclusiva “Blue Veins” , quanto di più vicino a “Yer Blues” dei Beatles si possa immaginare.

Che volere di più insomma??

[Steliam]

canzoni significative: tutte

Questa recensione é stata letta 4140 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Chelsea Wolfe - ApokalypsisChelsea Wolfe
Apokalypsis
Afghan Whigs - Unbreakable A RetrospectiveAfghan Whigs
Unbreakable A Retrospective
Santo Niente - Occhiali Scuri Al Mattino EPSanto Niente
Occhiali Scuri Al Mattino EP
Queens Of The Stone Age - Songs For The DeafQueens Of The Stone Age
Songs For The Deaf
Rollins Band - Get Some Go AgainRollins Band
Get Some Go Again
Meganoidi - Outside The Loop Stupendo SensationMeganoidi
Outside The Loop Stupendo Sensation
Raconteurs, The - Broken Boy SoldierRaconteurs, The
Broken Boy Soldier
Lecrevisse - Le Piccole Foglie EPLecrevisse
Le Piccole Foglie EP
Grinderman - GrindermanGrinderman
Grinderman
Black Midi - SchlagenheimBlack Midi
Schlagenheim