Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Broken Boy Soldier - Raconteurs, The (XL)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Raconteurs, The - Broken Boy Soldier
Voto:
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / alternative / garage
Scheda autore: Raconteurs, The



Se il rock garage negli anni duemila è vivo, parte del merito lo si deve a Jack White che, in questa occasione, è capace di scrollarsi di dosso sua Moglie/Sorella (cosa mai capita).

Che Jack ami la scena musicale 60 e 70 non è altresi una novità.

Questo “Broken boy soldier” è composto da 10 track dove appare subito evidente che non si è cercato di seguire uno schema, un filo, bensi spazio alla voglia di suonare e far musica.

“Steady as she goes” inizia con un riff lancinante e l’esplosione sonora del chorus avvolge completamente la voce del mezzo Stripes.

“Hands” propone un pop dove l'interessante lavoro vocale di Jack e Brendan è capace di ricreare le atmosfere delle sovraincisioni tipiche del beat sixties.

La title-track riporta alla schiettezza di “De Stijl”, mentre vintage ed elettronica si mescolano nella psichedelica “Intimate Secretary”.

Se “Together” (con Brendan Benson alla voce e Jack White backing) non è in grado di farvi incantare conviene per voi spegnere il lettore.

Di questa produzione la cosa che colpisce maggiormente sono gli intro e i cori mai banali, vedi ad esempio “Level”, ma probabilmente se mi doveste chiedere chi sono i Raconteurs, vi farei sentire “Store Bought Bones”, senza dubbio il brano capace di condensare meglio la loro musica.

In “Yellow sun” e ”Call It A Day” la semplicità regna sovrana scivolando via agevolmente verso una magistrale e conclusiva “Blue Veins” , quanto di più vicino a “Yer Blues” dei Beatles si possa immaginare.

Che volere di più insomma??

[Steliam]

canzoni significative: tutte

Questa recensione é stata letta 4205 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Queens Of The Stone Age - Songs For The DeafQueens Of The Stone Age
Songs For The Deaf
Saul Williams - The Inevitable Rise And Liberation Of NiggyTardustSaul Williams
The Inevitable Rise And Liberation Of NiggyTardust
Fantomas - Amenaza Al MundoFantomas
Amenaza Al Mundo
Andrew WK - I Get WetAndrew WK
I Get Wet
 Tre Allegri Ragazzi Morti
La Testa Indipendente
Waax - Big GriefWaax
Big Grief
Primus - Animals Should Not Try To Act Like PeoplePrimus
Animals Should Not Try To Act Like People
Nine Inch Nails - With TeethNine Inch Nails
With Teeth
Sleater Kinney - The WoodsSleater Kinney
The Woods
White Stripes - White Blood CellsWhite Stripes
White Blood Cells