Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Broken Boy Soldier - Raconteurs, The (XL)

Ultime recensioni

Kowloon Walled City - PieceworkKowloon Walled City
Piecework
Slowshine - Living LightSlowshine
Living Light
Unto Others - StrenghtUnto Others
Strenght
Space Afrika - Honest LabourSpace Afrika
Honest Labour
Dead Sara - It AinDead Sara
It Ain't Tragic
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
XX'ed Out
We All Do Wrong
Damon Locks Black Monument Ensemble - NowDamon Locks Black Monument Ensemble
Now
Angel Bat Dawid - Hush Harbor Mixtape Vol. 1 DoxologyAngel Bat Dawid
Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology
Andrew W.K. - God Is PartyingAndrew W.K.
God Is Partying
Hildur Guðnadóttir - Battlefield 2042 SoundtrackHildur Guðnadóttir
Battlefield 2042 Soundtrack
Chubby And The Gang - The MuttChubby And The Gang
The Mutt's Nuts
Amyl And The Sniffers - Comfort To MeAmyl And The Sniffers
Comfort To Me
Low - Hey WhatLow
Hey What
Hooded Menace - The Tritonus BellHooded Menace
The Tritonus Bell
Tropical Fuck Storm - Deep StatesTropical Fuck Storm
Deep States
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun
Dana Dentata - PantychristDana Dentata
Pantychrist
Turnstile - Glow OnTurnstile
Glow On

Raconteurs, The - Broken Boy Soldier
Voto:
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / alternative / garage
Scheda autore: Raconteurs, The



Se il rock garage negli anni duemila è vivo, parte del merito lo si deve a Jack White che, in questa occasione, è capace di scrollarsi di dosso sua Moglie/Sorella (cosa mai capita).

Che Jack ami la scena musicale 60 e 70 non è altresi una novità.

Questo “Broken boy soldier” è composto da 10 track dove appare subito evidente che non si è cercato di seguire uno schema, un filo, bensi spazio alla voglia di suonare e far musica.

“Steady as she goes” inizia con un riff lancinante e l’esplosione sonora del chorus avvolge completamente la voce del mezzo Stripes.

“Hands” propone un pop dove l'interessante lavoro vocale di Jack e Brendan è capace di ricreare le atmosfere delle sovraincisioni tipiche del beat sixties.

La title-track riporta alla schiettezza di “De Stijl”, mentre vintage ed elettronica si mescolano nella psichedelica “Intimate Secretary”.

Se “Together” (con Brendan Benson alla voce e Jack White backing) non è in grado di farvi incantare conviene per voi spegnere il lettore.

Di questa produzione la cosa che colpisce maggiormente sono gli intro e i cori mai banali, vedi ad esempio “Level”, ma probabilmente se mi doveste chiedere chi sono i Raconteurs, vi farei sentire “Store Bought Bones”, senza dubbio il brano capace di condensare meglio la loro musica.

In “Yellow sun” e ”Call It A Day” la semplicità regna sovrana scivolando via agevolmente verso una magistrale e conclusiva “Blue Veins” , quanto di più vicino a “Yer Blues” dei Beatles si possa immaginare.

Che volere di più insomma??

[Steliam]

canzoni significative: tutte

Questa recensione é stata letta 4305 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Primus - Animals Should Not Try To Act Like PeoplePrimus
Animals Should Not Try To Act Like People
Melvins - ElectroretardMelvins
Electroretard
Danko Jones - We Sweat BloodDanko Jones
We Sweat Blood
Porridge Radio - Every BadPorridge Radio
Every Bad
Idles - Ultra MonoIdles
Ultra Mono
Martin Grech - March Of The LonelyMartin Grech
March Of The Lonely
TV On The Radio - Return To Cookie MountainTV On The Radio
Return To Cookie Mountain
Motorpsycho - Demon BoxMotorpsycho
Demon Box
Afterhours - Quello Che Non CAfterhours
Quello Che Non C'è