Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Raconteurs, The - Broken Boy Soldier (XL)

Ultime recensioni

Gaerea - MirageGaerea
Mirage
Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising

Raconteurs, The - Broken Boy Soldier
Autore: Raconteurs, The
Titolo: Broken Boy Soldier
Etichetta: XL
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / alternative / garage

Voto:



Se il rock garage negli anni duemila è vivo, parte del merito lo si deve a Jack White che, in questa occasione, è capace di scrollarsi di dosso sua Moglie/Sorella (cosa mai capita).

Che Jack ami la scena musicale 60 e 70 non è altresi una novità.

Questo “Broken boy soldier” è composto da 10 track dove appare subito evidente che non si è cercato di seguire uno schema, un filo, bensi spazio alla voglia di suonare e far musica.

“Steady as she goes” inizia con un riff lancinante e l’esplosione sonora del chorus avvolge completamente la voce del mezzo Stripes.

“Hands” propone un pop dove l'interessante lavoro vocale di Jack e Brendan è capace di ricreare le atmosfere delle sovraincisioni tipiche del beat sixties.

La title-track riporta alla schiettezza di “De Stijl”, mentre vintage ed elettronica si mescolano nella psichedelica “Intimate Secretary”.

Se “Together” (con Brendan Benson alla voce e Jack White backing) non è in grado di farvi incantare conviene per voi spegnere il lettore.

Di questa produzione la cosa che colpisce maggiormente sono gli intro e i cori mai banali, vedi ad esempio “Level”, ma probabilmente se mi doveste chiedere chi sono i Raconteurs, vi farei sentire “Store Bought Bones”, senza dubbio il brano capace di condensare meglio la loro musica.

In “Yellow sun” e ”Call It A Day” la semplicità regna sovrana scivolando via agevolmente verso una magistrale e conclusiva “Blue Veins” , quanto di più vicino a “Yer Blues” dei Beatles si possa immaginare.

Che volere di più insomma??

[Steliam]

canzoni significative: tutte

Questa recensione é stata letta 4408 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Helms Alee - NoctilucaHelms Alee
Noctiluca
AA.VV. - Vegetable Man Project Vol.2AA.VV.
Vegetable Man Project Vol.2
Mudhoney - Since WeMudhoney
Since We've Become Translucent
Helms Alee - Keep This Be The WayHelms Alee
Keep This Be The Way
Giorgio Canali - Giorgio Canali & RossofuocoGiorgio Canali
Giorgio Canali & Rossofuoco
Saul Williams - The Inevitable Rise And Liberation Of NiggyTardustSaul Williams
The Inevitable Rise And Liberation Of NiggyTardust
Afterhours - Siam Tre Piccoli PorcellinAfterhours
Siam Tre Piccoli Porcellin
Tomahawk - TomahawkTomahawk
Tomahawk
Pearl Jam - Immagine In Cornice [DVD]Pearl Jam
Immagine In Cornice [DVD]
Motorpsycho - Angels And Daemons At PlayMotorpsycho
Angels And Daemons At Play