Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Rob Zombie - Educated Horses (Universal)

Ultime recensioni

Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null

Rob Zombie - Educated Horses
Autore: Rob Zombie
Titolo: Educated Horses
Etichetta: Universal
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / nu-metal /

Voto:



Fondamentale e assolutamente azzeccato il titolo.

White Zombie: quello che mi ricordo solo una band di cavalli pazzi, anacronistici, che hanno sfornato dischi inutili per buona parte della loro carriera arrivando al capolinea con un masterpiece dei '90, Astrocreep 2000.

Poi Rob urla "GHE PENSI MI".

Un paio di dischi e un paio di film.

E poi questo cavallo ammaestrato.

Perch se mi dispiace molto parlare male di questo personaggio emblematico e fondamentale nella storia del non-metal e non-alternative, il disco proprio spompato.

Ci sono gli YEAH. Ci sono i mugolii presi dai film porno. Ma non dovrebbero esserci pezzi come "Foxy foxy" o "17 year locust".

Purtroppo, dopo la solita intro, un pezzo [America Witch] poco convincete, Rob si piega verso una curva discendente difficile da digerire. "Death of it All" nella sua assurda e perversa vena country rimane uno dei capitoli pi significativi dell'intero disco. Il resto, davvero un animale ammaestrato.

Ora aspettiamo il nuovo film

[Thrasher XXX]

Canzoni significative: Let it all bleed out, Death of it all


Questa recensione stata letta 3184 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


27/05/2005 Nuovo Album e Ospiti
27/02/2005 Arriva "The Devil's Rejects"
09/11/2004 In Arrivo Nuovo Film

tAXI dRIVER consiglia

Papa Roach - InfestPapa Roach
Infest
AA.VV. - Spawn - The AlbumAA.VV.
Spawn - The Album
Hapax - No One Knows...Hapax
No One Knows...
Deftones - OhmsDeftones
Ohms
Marigold - DivisionalMarigold
Divisional
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Deftones - White PonyDeftones
White Pony
Boyhitscar - BoyhitscarBoyhitscar
Boyhitscar
System Of A Down - Steal This Album!System Of A Down
Steal This Album!
Deftones - B-side And RaritiesDeftones
B-side And Rarities