Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Rose Kemp - Golden Shroud (12 Year Stretch)

Ultime recensioni

Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable

Rose Kemp - Golden Shroud
Autore: Rose Kemp
Titolo: Golden Shroud
Anno: 2010
Produzione:
Genere: metal / experimental / doom

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Compra Rose Kemp su Taxi Driver Store


Non e' per niente facile penetrare nel caliginoso mondo di Rose Kemp. Ed e' ancor piu' difficile addentrarsi negli scenari opprimenti racchiusi in "Golden Shroud", che, ad una prima osservazione, si configura come un estenuante tour de force, ostico e complesso. Ma piu' ci si avvicina, piu' la nebbia si dirada e i lineamenti di quello che non esitiamo a definire uno dei picchi creativi di questo anno che volge al termine si fanno piu' definiti, lasciando emergere la vena progressive, la ricorsivita' delle strutture, la filigrana che lega l'intero impianto vocale con quello strumentale.

Rose Kemp valica e confode ulteriormente i confini sempre piu' labili che separano doom, stoner, folk e post-hardcore, come se gia' la lezione dei Neurosis di "A Sun That Never Sets" non fosse stata sufficiente. E sono proprio i padrini di Oakland a comparire spesso tra le trame di queste tre lunghe composizioni: c'e' un'angoscia lenta e inarrestabile di chiaro lignaggio neurosisiano nel riffing che da' vita alle andature piu' possenti.

Il barometro della scrittura della Kemp oscilla tra improvvisi fuochi metallici e aperture melodiche piu' levigate e introspettive: la tortuosa "Lead Coffin" e' praticamente racchiusa in questo gioco ad incastri. Atipico il modo in cui si schiudono gli altri due solchi del disco: cori a cappella tra il surreale e l'elegiaco che appassiscono e si ravvivano ciclicamente fanno da prologo per l'innesco di un minaccioso stoner/doom sul quale si staglia la voce di Rose, mai cosi' iraconda e graffiante ("Black Medik II", che ha un'esplosione melodica sul finire davvero epica e avvincente), e per il sopraggiungere di una spessa coltre di nubi che occulta il sole gettando ogni cosa nell'ombra, mentre dagli inferi affiora un sibilato growling sinistro e alienato ("Blood Runs Red", dove spesso si respira una velenosa aria goticheggiante).

Eleganti i dialoghi tra voce e chitarra nelle pause di "Blood Runs Red", eccellente tutto lo spettro di motivi vocali che si susseguono nei brani e che non appaiono mai distanti l'uno dall'altro nonostante il continuo mutare delle strutture.

Giunta alla soglia del terzo album su lunga distanza, Rose Kemp dimostra di aver raggiunto una personalita' definita ed autonoma, una maturita' artistica impressionante, una capacita' descrittiva efficace e a tratti fascinosamente morbosa.

Se non avete ancora trovato il disco-simbolo di questo 2010 musicale, forse qui troverete cio' che state cercando.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: tutte

Questa recensione é stata letta 2778 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Big Brave - A Gaze Among ThemBig Brave
A Gaze Among Them
Plebeian Grandstand - Rien Ne SuffitPlebeian Grandstand
Rien Ne Suffit
Wolvennest - TempleWolvennest
Temple
AA.VV. - TriadAA.VV.
Triad
Rose Kemp - Golden ShroudRose Kemp
Golden Shroud