Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Sleater Kinney - The Woods (Sub Pop)

Ultime recensioni

Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null

Sleater Kinney - The Woods
Autore: Sleater Kinney
Titolo: The Woods
Etichetta: Sub Pop
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / alternative / indie

Voto:



Nessuno avrebbe più scommesso una lira sulle Sleater Kinney. I capolavori li hanno fatti ("Dig Me Out" e "All The Hands On The Bad One"), iniziano ad essere vecchie (cazzo, Corin Tucker potrà mai diventare vecchia?!!) e al massimo ci si aspettavano nuove canzoni orecchiabili e anche un po' ballabili.

Mettiamo quindi un volume alto, anche perchè la produzione di Dave Fridmann promette grandi cose. Mettiamo il CD nello stereo e parte "The Fox". Un secondo dopo stanno già tremando i muri. Le Sleater Kinney sono tornate per distruggere?? Ebbene sì.

Effettivamente il contratto Sub Pop e Dave Fridmann potevano farci intuire qualcosa ma non a questi livelli. La band è in forma, ispirata ed eccitata. Il disco trasuda una tale energia e potenza da ogni nota suonata da far sembrare "The Wood" come l'esordio di 3 ventenni incazzate con il mondo.

Non di sola potenza è formato il disco, ma anche parecchia esperienza e ironia; come solo una band di veterane può avere.

"The Wood" mostra quindi una band in piena maturità, come pochi riescono a raggiungere nella loro carriera. Per rimanere nel genere, vengono in mente solo Sonic Youth e Fugazi.

Un album capolavoro, il migliore delle Sleater Kinney, denso di idee e rumori (ma conoscendo minimamente Fridmann ce lo aspettavamo tutti), ritmi scatenati memori del primo post-punk (e non quello edulcorato di tante band di adesso) e 10 brani, tutti degni di essere considerati indimenticabili.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 4287 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Sleater Kinney - All Hands On The Bad OneSleater Kinney
All Hands On The Bad One
Sleater Kinney - Dig Me OutSleater Kinney
Dig Me Out
Sleater Kinney - The Center WonSleater Kinney
The Center Won't Hold
Sleater Kinney - The Path Of WellnessSleater Kinney
The Path Of Wellness

NEWS


14/07/2010 Corin Tucker Solista
28/06/2006 Si Sciolgono
04/11/2004 Su Sub Pop

tAXI dRIVER consiglia

Meganoidi - And Then We Met Impero EPMeganoidi
And Then We Met Impero EP
Amplifier - The OctopusAmplifier
The Octopus
Afterhours - Siam Tre Piccoli PorcellinAfterhours
Siam Tre Piccoli Porcellin
Mark Lanegan - BubblegumMark Lanegan
Bubblegum
White Stripes - ElephantWhite Stripes
Elephant
Porridge Radio - Every BadPorridge Radio
Every Bad
Mondo Generator - A Drug Problem That Never ExistedMondo Generator
A Drug Problem That Never Existed
 Tre Allegri Ragazzi Morti
La Testa Indipendente
 Deadburger
S.t.0.r.1.e.
Henrick Palm - Poverty MetalHenrick Palm
Poverty Metal