´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Staind - Chapter V (Atlantic)

Ultime recensioni

Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvńrjelsen - AtlasBesvńrjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
St÷ner - Totally...St÷ner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable
Come To Grief - When The World DiesCome To Grief
When The World Dies
Sirom - The Liquified Throne of SimplicitySirom
The Liquified Throne of Simplicity
Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru
Wo Fat - The SingularityWo Fat
The Singularity

Staind - Chapter V
Autore: Staind
Titolo: Chapter V
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / grunge / post-grunge

Voto:



Dopo la cocente delusione di "14 Shades Of Grey" non credevo che sarei mai riuscito a ritrovare gli Staind. Ecco perchŔ recensisco questo disco dopo un bel po' di mesi dalla sua uscita.

L'impatto iniziale mi port˛ a pensare che nulla era cambiato, il disco non era degno di rivaleggiare con i primi tre album. Pian pianino mi trovai ad inserire il CD nel lettore sempre pi¨ spesso, anche dopo tutti questi mesi.

Prendete il mio parere con le pinze. Io sono un "grungettaro" di vecchia data, un nostalgico (sigh, fa strano scriverlo, sembra ieri...) che ha perso ogni contatto con la realtÓ. Eppure questo disco riesce ad emozionarmi ed Ŕ un fatto ormai raro. Diamo pure tutto il merito ad Aaron Lewis, il bravissimo e tristissimo cantante capace di scrivere splendide linee melodiche anche sopra ad un tappeto musicale tutt'altro che indimenticabile.

A livello musicale ritroviamo gli Staind "cattivi" dei primi due album, quelli che andavano di pari passo con Limp Bizkit e Korn. Allo stesso modo la band non abbandona le ballatone tagliavene che ne decretarono il successo fra gli adolescenti (ricorderete tutti i passaggi quotidiani su Mtv di "It's Been Awhile").

Difficile stabilire se questo album potrÓ piacere anche a voi. Provatelo e se pian pianino entrerÓ dentro di voi vuol dire che non sono rimasto solo...

[Dale P.]

Canzoni significative: Run Away, Schizophrenic Conversations.

Questa recensione Ú stata letta 4087 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Staind - 14 Shades Of GreyStaind
14 Shades Of Grey
Staind - Break The CycleStaind
Break The Cycle
Staind - The Singles 1996-2006Staind
The Singles 1996-2006

NEWS


18/10/2006 Greatest Hits In CD e DVD

tAXI dRIVER consiglia

Cold - 13 Ways To Bleed On StageCold
13 Ways To Bleed On Stage
Nirvana - NevermindNirvana
Nevermind
Alice In Chains - FaceliftAlice In Chains
Facelift
Green River - Dry As A Bone/Rehab DollGreen River
Dry As A Bone/Rehab Doll
AA.VV. - Sub Pop 200AA.VV.
Sub Pop 200
Soundgarden - BadmotorfingerSoundgarden
Badmotorfinger
Soundgarden - Ultramega OkSoundgarden
Ultramega Ok
Godsmack - FacelessGodsmack
Faceless
Mudhoney - My Brother The CowMudhoney
My Brother The Cow
Nirvana - Unplugged In New YorkNirvana
Unplugged In New York