Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Stefano Maria Ricatti - Ad Ore Piene (Storie Di Note)

Ultime recensioni

Body Void - Burn The Homes Of Those Who Seek To ControlBody Void
Burn The Homes Of Those Who Seek To Control
Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...

Stefano Maria Ricatti - Ad Ore Piene
Titolo: Ad Ore Piene
Etichetta: Storie Di Note
Anno: 2005
Produzione:
Genere: pop / folk /

Voto:

MP3: 50 Anni
Ad Ore Piene (30 secondi)
Auchan (30 secondi)
Chi (30 secondi)
Fuggiasco (30 secondi)


Ricatti torna alla "forma-canzone" dopo un lungo periodo dedicato alla musica strumentale. Forse per sottolineare il ritorno a questa forma musicale, il brano che dà il titolo e apre questo lavoro, "Ad ore piene", è anche il più scarno a livello strumentale, con la voce accompagnata dalla sola chitarra. Essenziale e poetico, è però il brano che più evidenzia un percorso non ancora pienamente compiuto, alla ricerca di un equilibrio per ora irrisolto tra la voce e la musica. I brani più riusciti risultano essere quelli dove la forma classica cantautorale trova un felice connubio con la musica dell'ensemble, che varia da un etno - folk più "tradizionale" (che talvolta mi ricorda Riccardo Tesi e la sua Banditaliana) a suoni e toni più intimistici o sperimentali, e quando la voce, amalgamandosi con le parti strumentali, sempre sobrie e misurate, trova in esse un solido supporto. Il gruppo che accompagna Ricatti è certamente collaudato e sono ben curati gli arrangiamenti, talvolta quasi "cameristici".

In sostanza un lavoro riuscito a... tre quarti. Con Ricatti che a mio avviso deve lavorare ancora sulla sua voce per conferirle una maggiore personalità.

I brani migliori, a mio avviso: "Solo con te", dal vago gusto retrò delle canzoni dei cantautori anni '60, "Fuggiasco", con un sassofono che ricorda molto (volutamente?) quello che accompagnava Lolli in "Ho visto anche degli zingari felici" e "Cammina cammina", con gli archi che si aprono in una bella "ballata" melodica e nostalgica.

[Hectorito]

Canzoni significative: Solo Con Te, Fuggiasco.

Questa recensione é stata letta 2721 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Cibelle - The Shine Of Dried Electric LeavesCibelle
The Shine Of Dried Electric Leaves
Cat Power - CoversCat Power
Covers
Arooj Aftab - Vulture PrinceArooj Aftab
Vulture Prince
Yo Yo Mundi - 54Yo Yo Mundi
54
Kings Of Convenience - Quiet Is The New LoudKings Of Convenience
Quiet Is The New Loud
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
Sangre De Muerdago - & Judasz & Nahimana - Cantiga de Folhas e AgulhasSangre De Muerdago
& Judasz & Nahimana - Cantiga de Folhas e Agulhas