Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Ad Ore Piene - Stefano Maria Ricatti (Storie Di Note)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Stefano Maria Ricatti - Ad Ore Piene
Voto:
Etichetta: Storie Di Note
Anno: 2005
Produzione:
Genere: pop / folk /

MP3: 50 Anni
Ad Ore Piene (30 secondi)
Auchan (30 secondi)
Chi (30 secondi)
Fuggiasco (30 secondi)


Ricatti torna alla "forma-canzone" dopo un lungo periodo dedicato alla musica strumentale. Forse per sottolineare il ritorno a questa forma musicale, il brano che dà il titolo e apre questo lavoro, "Ad ore piene", è anche il più scarno a livello strumentale, con la voce accompagnata dalla sola chitarra. Essenziale e poetico, è però il brano che più evidenzia un percorso non ancora pienamente compiuto, alla ricerca di un equilibrio per ora irrisolto tra la voce e la musica. I brani più riusciti risultano essere quelli dove la forma classica cantautorale trova un felice connubio con la musica dell'ensemble, che varia da un etno - folk più "tradizionale" (che talvolta mi ricorda Riccardo Tesi e la sua Banditaliana) a suoni e toni più intimistici o sperimentali, e quando la voce, amalgamandosi con le parti strumentali, sempre sobrie e misurate, trova in esse un solido supporto. Il gruppo che accompagna Ricatti è certamente collaudato e sono ben curati gli arrangiamenti, talvolta quasi "cameristici".

In sostanza un lavoro riuscito a... tre quarti. Con Ricatti che a mio avviso deve lavorare ancora sulla sua voce per conferirle una maggiore personalità.

I brani migliori, a mio avviso: "Solo con te", dal vago gusto retrò delle canzoni dei cantautori anni '60, "Fuggiasco", con un sassofono che ricorda molto (volutamente?) quello che accompagnava Lolli in "Ho visto anche degli zingari felici" e "Cammina cammina", con gli archi che si aprono in una bella "ballata" melodica e nostalgica.

[Hectorito]

Canzoni significative: Solo Con Te, Fuggiasco.

Questa recensione é stata letta 2581 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Yo Yo Mundi - 54Yo Yo Mundi
54
Kings Of Convenience - Quiet Is The New LoudKings Of Convenience
Quiet Is The New Loud
Cibelle - The Shine Of Dried Electric LeavesCibelle
The Shine Of Dried Electric Leaves