Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Come (What)Ever May - Stone Sour (Roadrunner)

Ultime recensioni

Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History
Black Magick SS - Rainbow NightsBlack Magick SS
Rainbow Nights
Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries

Stone Sour - Come (What)Ever May
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Roadrunner
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / pop / nu-metal
Scheda autore: Stone Sour



Ero abbastanza incuriosito verso "Come What(ever) May", seconda prova degli Stone Sour. La band di Corey Taylor costruì, ormai quattro anni fa, un bell'esordio formato da brani sulla scia del post-grunge tanto in voga negli Stati Uniti. Questo disco invece è minestrone di tutte le cose più commerciali sia stato partorito dal rock americano.

Si parte con un pezzo quasi metalcore in cui riff banali e melodia spompa non consentono all'ascoltatore di proseguire. Skippando ci si imbatte nella title-track in cui sembra di ascoltare uno scarto dei Powerman5000. In "Hell & Consequences" la band suonano come degli Slipknot quindicenni.

In "Sillyword" abbiamo a che fare con una qualsiasi band post-grunge di periferia e si va avanti in una carneficina inascoltabile in cui la band fa di tutto per suonare scontata, banale e stanca mentre Corey Taylor canta frasi buttate a caso senza un minimo di appeal.

Non c'è niente che si salva in questa fiera della banalità, addirittura il finale dell'album riporta ad una qualsiasi ballata di Bryan Adams.

Dispiace pensare che label e fan diano credito a certi progetti che sarebbero da rilegare nel circuito dei demo e delle autoproduzioni (e risulterebbero comunque offensivi). Se John Garcia sta impiegando anni per pubblicare un disco con gli Unida, sarebbe giusto che Corey Taylor e i suoi Stone Sour avessero il doppio delle difficoltà... e invece...

[Dale P.]

Canzoni significative: Come What(ever) May.


Questa recensione é stata letta 4385 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Stone Sour - Stone SourStone Sour
Stone Sour

NEWS


16/12/2006 Tour Europeo

tAXI dRIVER consiglia

Oasis - Don t Believe The TruthOasis
Don t Believe The Truth
Joe Strummer - StreetcoreJoe Strummer
Streetcore
 Elio E Le Storie Tese
Cicciput
Velvet Underground - Velvet Underground & NicoVelvet Underground
Velvet Underground & Nico
Neil Young - WeldNeil Young
Weld
Massimo Bubola - Niente Passa InvanoMassimo Bubola
Niente Passa Invano
Velvet Underground - LoadedVelvet Underground
Loaded
Paul McCartney - Chaos And Creation In The Back YardPaul McCartney
Chaos And Creation In The Back Yard
PGR - Per Grazia RicevutaPGR
Per Grazia Ricevuta
Lou Reed - BerlinLou Reed
Berlin