Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

The Smile - A Light For Attracting Attention (XL)

Ultime recensioni

Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null

The Smile - A Light For Attracting Attention
Autore: The Smile
Titolo: A Light For Attracting Attention
Etichetta: XL
Anno: 2022
Produzione: Nigel Godrich
Genere: pop / rock / alternative

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Come per tanti, tra la metà degli anni 90 e i primi anni 2000 i Radiohead furono nella mia top10 delle band preferite. Nell'intervallo tra The Bends (1994) e Amnesiac (2001) non sbagliarono una canzone, un'idea e il modo di comunicare quegli anni di transizione di millennio. I Radiohead traghettarono l'alternative rock dalle chitarrone noise-grunge al post-rock elettronico non perdendo mai di vista la missione di scrivere canzoni indimenticabili. Poi, diciamolo chiaramente, il mondo si stufò di loro e pure loro portarono avanti la baracca sempre più pigramente.

Sono passati sei anni da "A Moon Shaped Pool", ultimo lavoro dei Radiohead e sono sicuro che ne dovranno passare ancora molti altri per avere un seguito. Johnny Greenwood ormai è un apprezzatissimo autore di colonne sonore, Thom Yorke ogni tanto fa uscire un disco solista mentre gli altri si godono il loro essere gli elementi meno appariscenti della band. Non a caso proprio Thom e Johnny tornano a collaborare nei The Smile, progetto che condividono con Tom Skinner, batterista dei Sons Of Kemet e session man piuttosto hype.

The Smile poteva essere un disco dei Radiohead? Certo: i due elementi principali sono in ottima forma e il "nuovo" Tom è una furia. Alcune canzoni sono fantastiche e altre probabilmente hanno solo bisogno di tempo e ascolti per diventarlo. Non aspettatevi rivoluzioni o evoluzioni: non è più tempo e direi che i nostri hanno già dato abbastanza. Però su 13 brani tanti sono veramente ottimi e piacevoli da ascoltare e riascoltare, ovviamente a meno che non siate degli hater della band madre. In quel caso passate oltre. Chi, come me, ha amato la band negli anni d'oro non potrà che sorridere piacevolmente all'ascolto di "A Light For Attracting Attention".

[Dale P.]

Canzoni significative: The Smoke, You Will Never Work In Television Again.


Questa recensione é stata letta 266 volte!
Vota Questo Disco:



NEWS


20/04/2022 A Maggio Il Debutto

tAXI dRIVER consiglia

Ben Harper - Live From MarsBen Harper
Live From Mars
24 Grana - Metaversus Deluxe24 Grana
Metaversus Deluxe
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power
Ben Harper - Diamonds On The InsideBen Harper
Diamonds On The Inside
Nick Cave - GhosteenNick Cave
Ghosteen
Lara Martelli - Orchidea PorporaLara Martelli
Orchidea Porpora
Paolo Benvegnù - Piccoli Fragilissimi FilmPaolo Benvegnù
Piccoli Fragilissimi Film
Peeping Tom - Peeping TomPeeping Tom
Peeping Tom
Crash Test Dummies - PussCrash Test Dummies
Puss'n'Boots
Jadsa - Olho de VidroJadsa
Olho de Vidro