Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Rhetoric of the Image - Torpor (Sludgelord)

Ultime recensioni

Might - MightMight
Might
Appalooza - The Holy Of HoliesAppalooza
The Holy Of Holies
Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennanöh - Longing for BelongingZola Mennanöh
Longing for Belonging

Torpor - Rhetoric of the Image
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2019
Produzione: Wayne Adams
Genere: metal / post-metal / sludge
Scheda autore: Torpor



Torpor sono un trio londinese che con "Rhetoric Of The Image" arriva al secondo lavoro sulla lunga distanza. L'uscita è supportata da una lunga cordata di etichette, Truthseeker Music, Moment of Collapse Records, Sludgelord Records, Smithsfoodgroup DIY, Medusa Crush Recordings, unite per produrre questo doppio vinilone "ecologico", ovvero realizzato riciclando vecchi vinili.

La band suona post-metal/sludge di scuola Neurosis/Isis, in modo molto calligrafico, tranne il fatto che non sono nè i Neurosis, nè gli Isis. Ma, per nostra e loro fortuna, è nei momenti più introspettivi che i Torpor danno il meglio di sè, con andamenti pigri e atmosferici. L'eccessiva enfasi che penalizza i momenti più heavy viene meno nelle parti più rilassate che sono la parte più interessante della proposta. Non che le parti più sludge siano mal fatte ma, onestamente, le abbiamo già sentite decine e decine di volte. Mentre quando i Torpor si "intorpidiscono" (perdonate la battuta ma se si chiamano così un motivo ci sarà) danno il meglio di sè. Se svilupperanno in futuro questo loro lato ne sentiremo parlare, altrimenti ce ne dimenticheremo presto.

[Dale P.]

Canzoni significative: Two Heads on Gold, Mouths Full of Water, Throats Full of Ice.


Questa recensione é stata letta 221 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Dyskinesia - Dalla NascitaDyskinesia
Dalla Nascita
A Storm Of Light - As The Valley Of DeathA Storm Of Light
As The Valley Of Death
Burnt By The Sun - Heart Of DarknessBurnt By The Sun
Heart Of Darkness
Neurosis - The Eye Of Every StormNeurosis
The Eye Of Every Storm
Valerian Swing - A Sailor Lost Around The EarthValerian Swing
A Sailor Lost Around The Earth
Keelhaul - Subject to Change Without NoticeKeelhaul
Subject to Change Without Notice
Vanessa Van Basten - Psygnosis EPVanessa Van Basten
Psygnosis EP
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Pelican - The Fire In Our Throats Wil Beckon The ThawPelican
The Fire In Our Throats Wil Beckon The Thaw
Burst - Lazarus BirdBurst
Lazarus Bird