Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Spine - Vanillina (Latlantide)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Vanillina - Spine
Voto:
Etichetta: Latlantide
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / alternative /
Scheda autore: Vanillina



Parlare dei Vanillina potrà sembrare ai più parecchio inutile. Abituati a preconcetti e ad avere delusioni dalle band maggiori figuriamoci da un gruppo nato nell'ombra del Verdena-sound cosa potrà mai fregarci di come si evolve.

Invece i Vanillina stupiscono. Stupiscono nel senso che non è assurdo dirlo: sono molto meglio dei Verdena. Ma non ha neanche senso, anche perchè ora le due band non sono minimamente paragonabili. All'interno di Spine si rilegge tutto il rock chitarristico di matrice indie degli ultimi 15 anni. Una matrice che parte sì dai Nirvana ma che esplora le muffe rumorose dei Sonic Youth, la dolenza enfatica dei Pearl Jam per andare giù nell'underground dalle parti di Steve Albini.

E' un'esplorazione più che un disco. Una svolta che parte dall'esplosione elettronica di "Ninfa" (come i Radiohead di KidA rifatti dai Nirvana), prosegue con il noise di "Frost" (mescolare Giorgio Canali e Shellac), ha il suo apice nella meravigliosa "Quante Volte Ho Perso".

Un lavoro imponente a livello di suoni svolto con grande gusto rende onore ad una band giovane ma con notevoli capacità di crescere. Fa sorridere pensare che se una band del genere venisse da Chicago saremmo già a sbavare e a sognare di farci un viaggio per vederceli nella loro città natale. E invece vengono da chissà che paesino di merda della provincia di sto cazzo e il loro destino sarà di fare da apertura a Ligabue quando andrà a suonare nella fiera del paesino di cui sopra.

Ignorateli, non ascoltateli, fate quello che volete. Ai Vanillina non interessa: loro proseguono sulla loro strada con la consapevolezza di essere molto meglio di tanti osannati pseudorockerfighetti.

[Dale P.]

Canzoni significative: Quante Volte Ho Perso, Eclisse.

Questa recensione é stata letta 2862 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Vanillina - Sagome EPVanillina
Sagome EP

tAXI dRIVER consiglia

Roxy Saint - The Underground Personality Tapes [DVD]Roxy Saint
The Underground Personality Tapes [DVD]
White Stripes - Get Behind Me SatanWhite Stripes
Get Behind Me Satan
Meganoidi - Outside The Loop Stupendo SensationMeganoidi
Outside The Loop Stupendo Sensation
Fantomas - Amenaza Al MundoFantomas
Amenaza Al Mundo
Estra - A Conficcarsi in Carne DEstra
A Conficcarsi in Carne D'Amore
Dredg - Catch Without ArmsDredg
Catch Without Arms
Black Eyes Snakes, The - Rise Up!Black Eyes Snakes, The
Rise Up!
AA.VV. - Vegetable Man Project Vol.2AA.VV.
Vegetable Man Project Vol.2
Libertines, The - The LibertinesLibertines, The
The Libertines
Queens Of The Stone Age - Lullabies To ParalyzeQueens Of The Stone Age
Lullabies To Paralyze