Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Violet Cold - Empire Of Love (Autoproduzione)

Ultime recensioni

London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable
Come To Grief - When The World DiesCome To Grief
When The World Dies
Sirom - The Liquified Throne of SimplicitySirom
The Liquified Throne of Simplicity
Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice

Violet Cold - Empire Of Love
Autore: Violet Cold
Titolo: Empire Of Love
Anno: 2021
Produzione: Emin Guliyev
Genere: metal / black metal / blackgaze

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Empire Of Love





Probabilmente i black metallari duri e puri ignoreranno questo disco, che fin dalla copertina non è fatta per attrarre simpatie. E forse proprio per questo racchiude l'essenza ribelle del black metal: la bandiera dell'Azerbaijan con sfondo l'arcobaleno simbolo dei diritti LGBTQ. Cosa c'è di più lontano dall'estetica nordica e nazi della media dei gruppi del genere?

Infatti anche musicalmente siamo lontani dai Darkthrone. Il sound sviluppato da Emin Guliyev attraverso un non precisato sistema di generazione di musica tramite intelligenza artificiale è vicino al black-gaze e non disdegna parti prese dal folklore locale ed elettronica black moderna.

"Empire Of Love", oltre a trattare temi "ribelli" e terreni (lavoro, diritti, sessualità) trasporta l'ascoltatore in uno strana dimensione ibrida in cui il black metal è una musica di speranza e di fiducia. Al di là della stranezza che accompagna l'ascolto del disco ci troviamo di fronte a idee che funzionano in modo fluido e mai forzato. Emin Guliyev è un piccolo genio, che probabilmente non riceverà mai l'attenzione che si merita ma che non è tanto lontano da un altro personaggio fuori dai canoni come Hunter Hunt-Hendrix.

Ah, è pure scaricabile gratuitamente da bandcamp.

[Dale P.]

Canzoni significative: Pride, We Met During The Revolution.


Questa recensione é stata letta 248 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Kaatayra - InpariquipêKaatayra
Inpariquipê
Liturgy - H.A.Q.Q.Liturgy
H.A.Q.Q.
Deathspell Omega - ParacletusDeathspell Omega
Paracletus
Triptykon - Eparistera DaimonesTriptykon
Eparistera Daimones
Bríi - Sem PropósitoBríi
Sem Propósito
Darkthrone - Old StarDarkthrone
Old Star
Devil Master - Satan Spits on Children of LightDevil Master
Satan Spits on Children of Light
Mizmor - CairnMizmor
Cairn
Shining - Black JazzShining
Black Jazz
Ulver - Shadows Of The SunUlver
Shadows Of The Sun