Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Eddie Vedder - Into The Wild (J Records)

Ultime recensioni

Orange Goblin - Science Not FictionOrange Goblin
Science Not Fiction
Crypt Sermon - The Stygian RoseCrypt Sermon
The Stygian Rose
Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast

Eddie Vedder - Into The Wild
Autore: Eddie Vedder
Titolo: Into The Wild
Anno: 2007
Produzione: Adam Kasper
Genere: rock / pop / soundtrack

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Non stupisce per niente questa prima sortita solista di Eddie Vedder, cantante dei Pearl Jam.

Non stupisce per diversi motivi: per prima cosa esce sotto le mentite spoglie di una colonna sonora, tanto da preservare la credibilità artistica e proteggerlo da eventuali tentazioni "commerciali". Ovviamente la colonna sonora è solo una scusa: questo è il disco di Eddie Vedder che tutti i fan si sarebbero aspettati e che hanno lungamente desiderato. Ovvio il sogno spesso è più bello della realtà, ma è indubbio che il formato "soundtrack" lo faccia assomigliare ad una realtà piuttosto sfumata, al confine con l'onirico.

Ma al di là delle chiacchiere, Eddie mette in questo disco tutto se stesso: ovvero una chitarra e la sua voce. Ingredienti che basterebbero per mandare a casa più o meno i 3/4 dei dischi odierni (per rimanere nel genere, Chris Cornell in confronto sembra Gigi D'Alessio).

Chitarre suonate in punta di dita, qualche eco distorto, ukulele e tanto calore. Le influenze le citiamo giusto per chi non bazzica il personaggio: The Who ("Far Behind"), gospel/soul (il singolo "Hard Sun"), Bob Dylan (un po' tutto il disco) oltre, ovviamente, allo Springsteen di Nebraska.

Nell'insieme "Into The Wild" suona dimesso, abbozzato, e a parte le consuete parti enfatiche potrebbe piacere anche agli amanti dell'indie folk, o del new country, anche se immagino che nessun fan di Jason Molina ne confesserà mai le qualità.

Per una eventuale carriera solista di Eddie Vedder possiamo dormire sonni tranquilli: con quella voce mai potrà deluderci.

[Dale P.]

Canzoni significative: Far Behind, Guaranteed.


Questa recensione é stata letta 3568 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Eddie Vedder - EarthlingEddie Vedder
Earthling

tAXI dRIVER consiglia

Massimo Bubola - Niente Passa InvanoMassimo Bubola
Niente Passa Invano
Paul McCartney - Chaos And Creation In The Back YardPaul McCartney
Chaos And Creation In The Back Yard
Velvet Underground - The Velvet UndergroundVelvet Underground
The Velvet Underground
Sleepy Jackson - PersonalitySleepy Jackson
Personality
Neil Young - WeldNeil Young
Weld
Mc5 - Kick Out The JamsMc5
Kick Out The Jams
24 Grana - Underpop24 Grana
Underpop
Lou Reed - BerlinLou Reed
Berlin
T-Rex - Electric WarriorT-Rex
Electric Warrior
Subsonica - Controllo Del Livello Di RomboSubsonica
Controllo Del Livello Di Rombo