Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Helms Alee - Keep This Be The Way (Sargent House)

Ultime recensioni

Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Thou - UmbilicalThou
Umbilical
Porcelain - PorcelainPorcelain
Porcelain
Eye - Dark LightEye
Dark Light
Bala - BestaBala
Besta
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven

Helms Alee - Keep This Be The Way
Autore: Helms Alee
Titolo: Keep This Be The Way
Etichetta: Sargent House
Anno: 2022
Produzione: Helms Alee
Genere: rock / alternative / sludge

Voto:
Produzione:
Originalit:
Tecnica:



Ascolta Keep This Be The Way





Seguo gli Helms Alee fin dagli esordi sulla mitica Hydra Head Records, li amo, mi piace il loro stile e trovo che la batterista Annie Hozoji Matheson-Margullis sia la perfetta erede di Dale Crover. Devo anche essere sincero: secondo me non hanno mai fatto un disco capolavoro. Che una delle cose che mi piace di loro, ovvero non ricercare n il singolone n una coerenza stilistica all'interno del disco, un po' come facevano i Melvins ai primi tempi.

"Keep This Be The Way" secondo me il loro primo disco che potrebbe piacere anche ai non strani come me. C' tanta variet, forse anche pi del solito, ma le canzoni sono tutte perfettamente a fuoco pur mantenendo quello stile sbilenco che li porta a scegliere sempre la soluzione meno scontata. Forse mi piace particolarmente perch ha anche tante influenze grunge ("Tripping Up The Stairs" paro paro "Scentless Apprentice" dei Nirvana) ma anche per le derive dark cantautoriali alla Marissa Nadler ("How Party Do You Hard?"). C' anche il violoncello di Lori Goldston (Unplugged in New York dei Nirvana e Earth...tanto per), il sassofono di Joel Cuplin che per qualche motivo mi rimanda a Stag dei Melvins. E c' pure la cover di Big Louise di Scott Walker. Insomma ce n' abbastanza per saziare l'ascoltatore pi esigente.

Finalmente un gran disco (non che i precedenti siano da buttare eh)!

[Dale P.]

Canzoni significative: See Sights, Smell Smells; Do Not Expose To The Burning Sun.


Questa recensione stata letta 584 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Helms Alee - Night TerrorHelms Alee
Night Terror
Helms Alee - NoctilucaHelms Alee
Noctiluca

NEWS


02/06/2011 A Giugno Il Nuovo Disco

tAXI dRIVER consiglia

Santo Niente - Occhiali Scuri Al Mattino EPSanto Niente
Occhiali Scuri Al Mattino EP
Stone Gossard - BayleafStone Gossard
Bayleaf
Fiub - Brown StripesFiub
Brown Stripes
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
General Patton Vs The X-Ecutioners - General Patton Vs The X-EcutionersGeneral Patton Vs The X-Ecutioners
General Patton Vs The X-Ecutioners
Mark Lanegan - BubblegumMark Lanegan
Bubblegum
 Deadburger
S.t.0.r.1.e.
Henrik Palm - Poverty MetalHenrik Palm
Poverty Metal
AA.VV. - Judgment NightAA.VV.
Judgment Night