´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Omega Massif - Karpatia (Denovali)

Ultime recensioni

Sonic Universe - It Is What It IsSonic Universe
It Is What It Is
Orange Goblin - Science Not FictionOrange Goblin
Science Not Fiction
Crypt Sermon - The Stygian RoseCrypt Sermon
The Stygian Rose
Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will

Omega Massif - Karpatia
Autore: Omega Massif
Titolo: Karpatia
Etichetta: Denovali
Anno: 2011
Produzione: Roland Wiegner
Genere: metal / post-metal / sludge

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Ai tempi di "In Absence Of Truth" degli Isis alzammo bandiera bianca: non c'era piu' niente da dire nel genere post/metal/hardcore/sludge. A distanza di anni, a parte per qualche piccola eccezione, siamo ancora pronti a sostenerlo. Anche Aaron Turner e soci se ne sono accorti e si sono sciolti, consci che fra qualche anno un bel tour di reunion suonando Oceanic non glielo togliera' nessuno. Chi e' rimasto ancorato a questo genere, forse perche' arrivato tardi, ha trovato in band mediocri un modo per sostenere la bonta' della musica. Pelican, in passato, azzeccarono due ep e un disco, salvo poi finire nella ripetizione dei cliche'. Band come i Mare addiritura non arrivarono al full lenght.

Nel 2011 siamo gia' alla terza generazione, quella che trovi a sopportare solo per darti una buona ragione di inserire ancora una volta nel lettore Panopticon.

Poveri Omega Massif, loro non fanno altro che scaldare gli amplificatori valvolari, fare "gighegigga" per una decina di minuti facendoci muovere il collo come piace a noi, poi attaccano i soliti delay, infine fanno il classico botta e risposta chitarra destra vs chitarra sinistra. Il problema e' che loro, come i cloni Lento, suono obsoleti e gia' sentiti mille volte e sono adatti esclusivamente a coloro che non si sono accorti che la musica (sludge, post) si e' evoluta dai tempi. Il tutto suona noioso e prevedibile come ascoltare i Mogwai nel 2000.

Solo per fan del genere, che troveranno nel sottoscritto un vecchio lamentoso noioso che aspetta ancora un nuovo album dei Tarantula Hawk.

[Dale P.]

Canzoni significative: Ursus Arctos.

Questa recensione Ú stata letta 1860 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Briqueville - QuelleBriqueville
Quelle
Pelican - AustralasiaPelican
Australasia
Zu - CarboniferousZu
Carboniferous
Spotlights - Alchemy For The DeadsSpotlights
Alchemy For The Deads
Bongripper - Satan Worshipping DoomBongripper
Satan Worshipping Doom
Kowloon Walled City - PieceworkKowloon Walled City
Piecework
Burnt By The Sun - Heart Of DarknessBurnt By The Sun
Heart Of Darkness
Burst - Lazarus BirdBurst
Lazarus Bird
Les Discrets - Ariettes OublieesLes Discrets
Ariettes Oubliees
A Storm Of Light - As The Valley Of DeathA Storm Of Light
As The Valley Of Death