Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Supergrass - Road To Rouen (Parlophone)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Supergrass - Road To Rouen
Autore: Supergrass
Titolo: Road To Rouen
Anno: 2005
Produzione:
Genere: pop / rock /

Voto:



Dopo il greatest hits del 2004 che sembrava aver posto la fine del terzetto i Supergrass ritornano con il nuovo "Road To Rouen".

Che dire … potevano anche non tornare!

Si tratta infatti di un album totalmente impalpabile, pesante già dalla prima “Tales Of Endurance (Parts 4, 5 & 6)”!

Pensare che le fortune della band erano dovute alla freschezza e leggerezza delle loro songs (vedi il capolavoro pop “ALRIGHT” su tutte) fa davvero rabbia ascoltare questo nuova produzione.

Guz, Danny, Mickey sembrano aver perso la rotta, un cambio di stile che strizza l’occhio al folk e al blues o piuttosto un revival del passato (Stones su tutti)…boh chi lo riesce a capire mi spieghi. Io so solo che sto tentando di trovare qualcosa di interessante in quest’album e dopo una serie di repeat a catena mi ritrovo sempre al punto di partenza.

Pensare che sono solo 9 tracce…forse come colonna sonora della “Corazzata Potemkin” calzerebbe bene insieme alle famose 18 bobine fantozziane!

Spiegatemi l’interlude assurdo di “Coffee In The Pod” con un “ricercato” “Ehh” che segue costantemente la traccia.

Ecco, la cosa più interessante è probabilmente rappresentata dal brano che da titolo all’album cioè “Road To Rouen” che ha il riff strappato al telefilm “Starsky & Hutch”.

All’ennesimo ascolto risulta piacevole anche il primo singolo pop-swing “St.Petersburg” con un cantato a metà tra Kelly Jones (Stereophonics) e Liam Gallagher (Oasis). Due canzoni apprezzabili su nove sono davvero troppo poche!

Dirottate le vostre finanze su qualcos’altro! O se avete crisi nostalgiche rispolverate “I Should Coco”.

[Steliam]

Canzoni significative: St Petersburg, Road To Rouen.

Questa recensione é stata letta 3835 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Ben Harper - Diamonds On The InsideBen Harper
Diamonds On The Inside
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Jadsa - Olho de VidroJadsa
Olho de Vidro
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power
Neil Finn - & Friends - 7 Worlds CollideNeil Finn
& Friends - 7 Worlds Collide
Peeping Tom - Peeping TomPeeping Tom
Peeping Tom
Sharon Van Etten - Remind Me TomorrowSharon Van Etten
Remind Me Tomorrow
Beatles, The - LoveBeatles, The
Love
Paolo Benvegnù - Piccoli Fragilissimi FilmPaolo Benvegnù
Piccoli Fragilissimi Film