Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Vanillina - Spine (Latlantide)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Vanillina - Spine
Autore: Vanillina
Titolo: Spine
Etichetta: Latlantide
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / alternative /

Voto:



Parlare dei Vanillina potrà sembrare ai più parecchio inutile. Abituati a preconcetti e ad avere delusioni dalle band maggiori figuriamoci da un gruppo nato nell'ombra del Verdena-sound cosa potrà mai fregarci di come si evolve.

Invece i Vanillina stupiscono. Stupiscono nel senso che non è assurdo dirlo: sono molto meglio dei Verdena. Ma non ha neanche senso, anche perchè ora le due band non sono minimamente paragonabili. All'interno di Spine si rilegge tutto il rock chitarristico di matrice indie degli ultimi 15 anni. Una matrice che parte sì dai Nirvana ma che esplora le muffe rumorose dei Sonic Youth, la dolenza enfatica dei Pearl Jam per andare giù nell'underground dalle parti di Steve Albini.

E' un'esplorazione più che un disco. Una svolta che parte dall'esplosione elettronica di "Ninfa" (come i Radiohead di KidA rifatti dai Nirvana), prosegue con il noise di "Frost" (mescolare Giorgio Canali e Shellac), ha il suo apice nella meravigliosa "Quante Volte Ho Perso".

Un lavoro imponente a livello di suoni svolto con grande gusto rende onore ad una band giovane ma con notevoli capacità di crescere. Fa sorridere pensare che se una band del genere venisse da Chicago saremmo già a sbavare e a sognare di farci un viaggio per vederceli nella loro città natale. E invece vengono da chissà che paesino di merda della provincia di sto cazzo e il loro destino sarà di fare da apertura a Ligabue quando andrà a suonare nella fiera del paesino di cui sopra.

Ignorateli, non ascoltateli, fate quello che volete. Ai Vanillina non interessa: loro proseguono sulla loro strada con la consapevolezza di essere molto meglio di tanti osannati pseudorockerfighetti.

[Dale P.]

Canzoni significative: Quante Volte Ho Perso, Eclisse.

Questa recensione é stata letta 3305 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Vanillina - Sagome EPVanillina
Sagome EP

tAXI dRIVER consiglia

Pearl Jam - Immagine In Cornice [DVD]Pearl Jam
Immagine In Cornice [DVD]
Wellwater Conspiracy - The Scroll And Its CombinationsWellwater Conspiracy
The Scroll And Its Combinations
Chelsea Wolfe - Birth Of ViolenceChelsea Wolfe
Birth Of Violence
Martin Grech - March Of The LonelyMartin Grech
March Of The Lonely
Strokes, The - Room On FireStrokes, The
Room On Fire
Fantomas - Amenaza Al MundoFantomas
Amenaza Al Mundo
Amplifier - The OctopusAmplifier
The Octopus
Melvins - ElectroretardMelvins
Electroretard
Giorgio Canali - Giorgio Canali & RossofuocoGiorgio Canali
Giorgio Canali & Rossofuoco
Melvins - TrilogyMelvins
Trilogy