´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

*Shels - Plains Of The Purple Buffalo (Shelsmusic)

Ultime recensioni

Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
BrÝi - Corpos TransparentesBrÝi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Mis■yrming - Me­ HamriMis■yrming
Me­ Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade
Dead Cross - IIDead Cross
II
Just Mustard - Heart UnderJust Mustard
Heart Under
Otoboke Beaver - Super ChamponOtoboke Beaver
Super Champon
Caustic Casanova - Glass Enclosed Nerve CenterCaustic Casanova
Glass Enclosed Nerve Center
The Lovecraft Sextet - MiserereThe Lovecraft Sextet
Miserere
Gaerea - MirageGaerea
Mirage
Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut

*Shels - Plains Of The Purple Buffalo
Titolo: Plains Of The Purple Buffalo
Anno: 2011
Produzione: Mehdi Safa
Genere: rock / post-rock / pop

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Prima i Grails, ora gli *shels, arriva nuova linfa per il post-rock. Lontane dal mestiere e dalle pose plastiche degli emuli dei soliti noti, entrambe le band offrono una piccola via di fuga a un linguaggio sonoro prigioniero della sua grammatica.

Gli *shels partono dal convincente prog-rock di "Sea Of A Dying Dhow" di quattro anni fa, un prog dalle strutture semplici e privo di ritmiche cervellotiche, in cui a progredire sono gli umori e le sensazioni. Convergono nel flusso le dilatazioni ambientali del dream pop, un che di etereo e sfuggente che e' volato via dal nido dei Cocteau Twins e alcune eco folk li' dove la chitarra acustica emerge nei numerosi break.

"Plains Of The Purple Buffalo" e' avvolgente e a renderlo unico e' la cura che il gruppo anglo-americano ripone negli arrangiamenti, sontuosi ma mai ampollosi, in cui volteggiano gli intrecci armonici descritti dai cori, neanche fossero una sezione d'archi, e le brevi incursioni di fiati che allargano la tavolozza cromatica.

La voce e' timida e fragile, spesso sussurrata ed e' sparsa in piccoli lembi qua e la', lasciando parecchio spazio alle evoluzioni strumentali. L'ambiente sonoro, definito con pochi ma vivi colori, e' racchiuso in un guscio di vetro che galleggia al ritmo di maree oniriche.

C'e' il sapore aspro della malinconia nella title-track e nella bellissima "Journey To The Plains", in cui le aperture maestose si affacciano su lande morriconiane percorse da brezze shoegaze, che soffiano possenti anche in "The Spirit Horse". "Butterflies On Luci's Way" riempie il cuore col suo tenue slow-emo-core, "Conqueror" e' una luna remota che orbita attorno al pianeta Sigur Ros.

Sono quasi ottanta minuti di spoglia magnificienza, come un sogno che lentamente si dissolve in intense scie luminose.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Journey To The Plains, Conqueror, The Spirit Horse, Butterflies On Luci's Way.

Questa recensione Ú stata letta 2474 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

90 Day Men - To Everybody90 Day Men
To Everybody
Yuppie Flu - Days Before The DayYuppie Flu
Days Before The Day
65 Days Of Static - One Time For All Time65 Days Of Static
One Time For All Time
Grails - Deep PoliticsGrails
Deep Politics
Low - Things We Lost In The FireLow
Things We Lost In The Fire
Slint - SpiderlandSlint
Spiderland
65 Days Of Static - The Fall Of Math65 Days Of Static
The Fall Of Math
Nadja - AutopergameneNadja
Autopergamene
Don Caballero - What Burns Never ReturnsDon Caballero
What Burns Never Returns
Red Sparowes - At The Soundless DawnRed Sparowes
At The Soundless Dawn