Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Plains Of The Purple Buffalo - *Shels (Shelsmusic)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

*Shels - Plains Of The Purple Buffalo
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione: Mehdi Safa
Genere: rock / post-rock / pop



Prima i Grails, ora gli *shels, arriva nuova linfa per il post-rock. Lontane dal mestiere e dalle pose plastiche degli emuli dei soliti noti, entrambe le band offrono una piccola via di fuga a un linguaggio sonoro prigioniero della sua grammatica.

Gli *shels partono dal convincente prog-rock di "Sea Of A Dying Dhow" di quattro anni fa, un prog dalle strutture semplici e privo di ritmiche cervellotiche, in cui a progredire sono gli umori e le sensazioni. Convergono nel flusso le dilatazioni ambientali del dream pop, un che di etereo e sfuggente che e' volato via dal nido dei Cocteau Twins e alcune eco folk li' dove la chitarra acustica emerge nei numerosi break.

"Plains Of The Purple Buffalo" e' avvolgente e a renderlo unico e' la cura che il gruppo anglo-americano ripone negli arrangiamenti, sontuosi ma mai ampollosi, in cui volteggiano gli intrecci armonici descritti dai cori, neanche fossero una sezione d'archi, e le brevi incursioni di fiati che allargano la tavolozza cromatica.

La voce e' timida e fragile, spesso sussurrata ed e' sparsa in piccoli lembi qua e la', lasciando parecchio spazio alle evoluzioni strumentali. L'ambiente sonoro, definito con pochi ma vivi colori, e' racchiuso in un guscio di vetro che galleggia al ritmo di maree oniriche.

C'e' il sapore aspro della malinconia nella title-track e nella bellissima "Journey To The Plains", in cui le aperture maestose si affacciano su lande morriconiane percorse da brezze shoegaze, che soffiano possenti anche in "The Spirit Horse". "Butterflies On Luci's Way" riempie il cuore col suo tenue slow-emo-core, "Conqueror" e' una luna remota che orbita attorno al pianeta Sigur Ros.

Sono quasi ottanta minuti di spoglia magnificienza, come un sogno che lentamente si dissolve in intense scie luminose.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Journey To The Plains, Conqueror, The Spirit Horse, Butterflies On Luci's Way.

Questa recensione é stata letta 2233 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

 Cods
Sperochettùstia
Grails - Black Tar Prophecies VolGrails
Black Tar Prophecies Vol's 1,2, & 3
Vanessa Van Basten - Vanessa Van BastenVanessa Van Basten
Vanessa Van Basten
65 Days Of Static - The Fall Of Math65 Days Of Static
The Fall Of Math
Red Sparowes - At The Soundless DawnRed Sparowes
At The Soundless Dawn
Battles - Juice B CryptsBattles
Juice B Crypts
Grails - Deep PoliticsGrails
Deep Politics
Yuppie Flu - Days Before The DayYuppie Flu
Days Before The Day
Ronin - RoninRonin
Ronin
Sigur Ros - Hvarf/HeimSigur Ros
Hvarf/Heim