Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Afsky - Om hundrede r (Vendetta)

Ultime recensioni

Brad - In The Moment That YouBrad
In The Moment That You're Born
Persekutor - Snow BusinessPersekutor
Snow Business
Domkraft - Sonic MoonsDomkraft
Sonic Moons
Baroness - StoneBaroness
Stone
Benefits - NailsBenefits
Nails
Sprain - The Lamb As EffigySprain
The Lamb As Effigy
Blut Aus Nord - Disharmonium - NahabBlut Aus Nord
Disharmonium - Nahab
Be Your Own Pet - MommyBe Your Own Pet
Mommy
Crawl - DamnedCrawl
Damned
The Armed - Perfect SaviorsThe Armed
Perfect Saviors
Home Front - Games of PowerHome Front
Games of Power
Mizmor - ProsaicMizmor
Prosaic
Spotlights - Alchemy For The DeadsSpotlights
Alchemy For The Deads
Mutoid Man - MutantsMutoid Man
Mutants
 AA.VV. - Superunknown Redux AA.VV.
Superunknown Redux
Somnuri - DesideriumSomnuri
Desiderium
Godflesh - PurgeGodflesh
Purge
Hasard - MalivoreHasard
Malivore
Khanate - To Be CruelKhanate
To Be Cruel
Divide And Dissolve - SystemicDivide And Dissolve
Systemic

Afsky - Om hundrede r
Titolo: Om hundrede r
Anno: 2023
Produzione: Ole Pedersen Luk
Genere: metal / black metal /

Voto:
Produzione:
Originalit:
Tecnica:



Ascolta Om hundrede r





Ole Pedersen Luk un piccolo caso del panorama black metal degli ultimi anni. Grazie al secondo lavoro del progetto Afsky, uscito nel 2020, ha iniziato ad apparire nelle playlist e nelle classifiche di fine anno; nel 2022 ha portato con successo gli Afsky sui palchi europei e ha fatto parlare di s anche per prese di posizione poco usuali per il black metallaro medio, ad esempio in difesa dei diritti della comunit LGBTQIA+.

"Om hundrede r" ha tutti gli ingredienti che fanno amare la musica di Ole, ovvero un black metal doloroso e malinconico, capace per anche di lasciarsi andare a cavalcate esaltanti. Suona come Il tentativo di un uomo di fare i conti con la propria caducit e non un caso che sulle copertine dei dischi siano sempre rappresentati dei defunti. La catarsi del trapasso.

I brani hanno quasi sempre una parte acustica (lo scorso anno uscito anche l'ottimo Ep acustico "I Stilhed") o un piccolo viaggio elettrico solitario, a briglia sciolta, in cui Pedersen appoggia accordi tristi, nel vuoto, accentuando il lato cupo e intimo della propria musica, finendo curiosamente nei binari del Neil Young di "Le Noise".

Gli arrangiamenti scarni, la produzione basilare, la scelta dei suoni donano una discreta unicit al prodotto, un marchio di fabbrica che ormai si comincia a riconoscere e i riferimenti potrebbero essere tutte le band che danno un tocco depressivo e/o acustico al proprio black metal atmosferico, su tutti, i Panopticon.

La musica di Pedersen suonata e pensata con il cuore e la pancia e gode di buone idee, anche nelle sue imperfezioni.

[Francesco Traverso]

Canzoni significative: Stormfulde Hav, Frosne Vind, Tid.


Questa recensione stata letta 244 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Bri - Corpos TransparentesBri
Corpos Transparentes
Deathspell Omega - The Furnaces Of PalingenesiaDeathspell Omega
The Furnaces Of Palingenesia
Returning - SeverenceReturning
Severence
Vorlust - Lick The FleshVorlust
Lick The Flesh
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Violet Cold - Empire Of LoveViolet Cold
Empire Of Love
Wolves In The Throne Room - Celestial LineageWolves In The Throne Room
Celestial Lineage
Mgla - Age Of ExcuseMgla
Age Of Excuse
Crawl - DamnedCrawl
Damned
Bri - Entre Tudo que  Visto e OcultoBri
Entre Tudo que Visto e Oculto