Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Les Voyages De L'Ame - Alcest (Prophecy)

Ultime recensioni

Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Boris - & Merzbow - 2R0I2P0Boris
& Merzbow - 2R0I2P0
Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio

Alcest - Les Voyages De L'Ame
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Prophecy
Anno: 2012
Produzione:
Genere: metal / post-metal / post-rock
Scheda autore: Alcest



Alcest e' la band di Neige, attiva dal 1999 e che, dopo gli esordi tipicamente Black Metal, ha forgiato il "classico" Post-Black Metal sound coniugando feroci assalti sonori, atmosfere romantiche e depresse e chitarre che partendo post-rock alla Mogwai richiamano lo shoegaze di fine anni 80.

Musica che racchiude in se' ossimori sulla carta difficilmente conciliabili ma che negli anni si e' via via codificato generando sia entusiasmi che sbadigli.

La materia "post" e' da sempre difficilmente malleabile, perche' non bastano delay a mandolino per fare "emozione" ma occorre una decisa volonta' a non standardizzarsi sulla semplice resa del saliscendi emotivo. Un cul-de-sac in cui cadono tutti gli esponenti del genere che decidono di standardizzarsi in un suono che spesso sollazza piu' il suonatore che l'ascoltatore.

Questo "Les Voyages De L'Ame", che ha diviso equamente la critica, indica quanto non e' mai facile lasciarsi andare in landscape carichi di elettricita' senza generare discussione. Accadde anche nel post-metal quando gli Isis si incagliarono nel modesto "In Absence Of Truth" e gettando la pietra tombale del genere e di conseguenza i confini da non superare. Ma gia' anni addietro band come Novembre e Klimt1918 fecero capire che non si poteva andare tanto al di la'.

"Les Voyages De L'Ame" e' un buon disco che ha il difetto di parlare sia a black metallari oltranzisti che ai fan del classic rock, complice anche la migliore produzione sonora in un disco degli Alcest. Poche urla, poche scariche di violenza, zero riff. La ricetta puo' essere indigesta come appetitosa, tipico dei dischi "di genere".

[Dale P.]

Canzoni significative: Autre Temps, Beings Of Light.

Questa recensione é stata letta 1916 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


06/01/2012 Nuovo Album In Streaming

tAXI dRIVER consiglia

Burst - Lazarus BirdBurst
Lazarus Bird
Spotlights - Love & DecaySpotlights
Love & Decay
Briqueville - QuelleBriqueville
Quelle
Neurosis - Given To The RisingNeurosis
Given To The Rising
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Pelican - AustralasiaPelican
Australasia
Kongh - Shadows Of The ShapelessKongh
Shadows Of The Shapeless
Celeste - Mortes NeesCeleste
Mortes Nees
Pelican - Pelican EPPelican
Pelican EP
Rosetta - A Determinism Of MoralityRosetta
A Determinism Of Morality