Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

Sea Change - Beck (Geffen)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Beck - Sea Change
Voto:
Anno: 2002
Produzione:
Genere: indie / pop /
Scheda autore: Beck



Che Beck sia un tipo strano non lo scopriamo oggi. Già nell'esordio (l'imprescindibile Mellow Gold, che poi vero e proprio esordio non era) furono tutti colpiti dalle stranezze di questo ragazzo uscito dal nulla. Ben presto diventò simbolo della generazione slackers, ben più di Kurt Cobain. Nel giro di 10 anni Beck è ormai una certezza. Spiace quindi veder passare praticamente sotto silenzio un album di una bellezza sconfinata. Che non sia il Beck che ti aspetti vuol dire che è tutto normale (se fosse prevedibile non sarebbe neanche un genio!), ma "Sea Change" è stato così maltrattato dalla critica che ci viene spontaneo chiedere perchè? "Sea Change" è un album delicato, molto orecchiabile, ben suonato, ben arrangiato e ben prodotto ma non è mainstream: la sofferenza e la tristezza ricoprono ogni millisecondo di questo album. Gli arrangiamenti sono eleganti e sofisticati ma allo stesso tempo semplicissimi, mai ridondanti e ricordano, in certe atmosfere, i Radiohead di "Exit Music". E proprio da lì parte Beck per ricreare altri 12 piccoli capolavori di melodia e atmosfera. Se siete già coi fucili puntati a dire: "Si, ma Beck non è Tom Yorke" vi rispondo che, sì, vabbè, non lo è, ma sicuramente resterete stupiti dalla voce profonda e intensa del nostro genio. Indiscutibilmente un capolavoro, certamente più spiazzante di qualsiasi altra produzione dell'artista.

[Dale P.]

Canzoni significative: Lost Cause, The Golden Age

Questa recensione é stata letta 3201 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Beck - The InformationBeck
The Information

Live Reports

23/06/2005GenovaAnteprima Goa Boa

tAXI dRIVER consiglia

Ardecore - ArdecoreArdecore
Ardecore
Stephen Malkmus - Stephen MalkmusStephen Malkmus
Stephen Malkmus
Odawas - The Aether EaterOdawas
The Aether Eater
Breakfast - Ordinary HeroesBreakfast
Ordinary Heroes
Songs Ohia - Ghost TropicSongs Ohia
Ghost Tropic
Ken Stringfellow - TouchedKen Stringfellow
Touched
Enon - High SocietyEnon
High Society
Stephen Malkmus - Jenny And The Ess-dogStephen Malkmus
Jenny And The Ess-dog
John Frusciante - To Record Only Water For Ten DaysJohn Frusciante
To Record Only Water For Ten Days
Pecksniff - The Book Of Stanley CreepPecksniff
The Book Of Stanley Creep