Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

Sea Change - Beck (Geffen)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Beck - Sea Change
Voto:
Anno: 2002
Produzione:
Genere: indie / pop /
Scheda autore: Beck



Che Beck sia un tipo strano non lo scopriamo oggi. Già nell'esordio (l'imprescindibile Mellow Gold, che poi vero e proprio esordio non era) furono tutti colpiti dalle stranezze di questo ragazzo uscito dal nulla. Ben presto diventò simbolo della generazione slackers, ben più di Kurt Cobain. Nel giro di 10 anni Beck è ormai una certezza. Spiace quindi veder passare praticamente sotto silenzio un album di una bellezza sconfinata. Che non sia il Beck che ti aspetti vuol dire che è tutto normale (se fosse prevedibile non sarebbe neanche un genio!), ma "Sea Change" è stato così maltrattato dalla critica che ci viene spontaneo chiedere perchè? "Sea Change" è un album delicato, molto orecchiabile, ben suonato, ben arrangiato e ben prodotto ma non è mainstream: la sofferenza e la tristezza ricoprono ogni millisecondo di questo album. Gli arrangiamenti sono eleganti e sofisticati ma allo stesso tempo semplicissimi, mai ridondanti e ricordano, in certe atmosfere, i Radiohead di "Exit Music". E proprio da lì parte Beck per ricreare altri 12 piccoli capolavori di melodia e atmosfera. Se siete già coi fucili puntati a dire: "Si, ma Beck non è Tom Yorke" vi rispondo che, sì, vabbè, non lo è, ma sicuramente resterete stupiti dalla voce profonda e intensa del nostro genio. Indiscutibilmente un capolavoro, certamente più spiazzante di qualsiasi altra produzione dell'artista.

[Dale P.]

Canzoni significative: Lost Cause, The Golden Age

Questa recensione é stata letta 3176 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Beck - The InformationBeck
The Information

Live Reports

23/06/2005GenovaAnteprima Goa Boa

tAXI dRIVER consiglia

Moltheni - Splendore TerroreMoltheni
Splendore Terrore
AA.VV. - Lo Zecchino DAA.VV.
Lo Zecchino D'Oro Dell'Underground
Smog - Knock KnockSmog
Knock Knock
Devendra Banhart - Rejoicing In The HandsDevendra Banhart
Rejoicing In The Hands
Tbh - Tutti Contro BobTbh
Tutti Contro Bob
En Roco - Ad Occhi ChiusiEn Roco
Ad Occhi Chiusi
Egokid - The Egotrip Of The EgokidEgokid
The Egotrip Of The Egokid
Vincent Gallo - WhenVincent Gallo
When
Jason Collett - Motor Motel Love SongsJason Collett
Motor Motel Love Songs
Perturbazione - In CircoloPerturbazione
In Circolo