´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Blues Pills - Holy Moly! (Nuclear Blast)

Ultime recensioni

Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage
The Body - & Dis Fig - Orchards of a Futile HeavenThe Body
& Dis Fig - Orchards of a Futile Heaven
Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII

Blues Pills - Holy Moly!
Autore: Blues Pills
Titolo: Holy Moly!
Etichetta: Nuclear Blast
Anno: 2020
Produzione: Blues Pills
Genere: rock / hard rock / soul

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




4 anni, un disco live e l'avvicendamento del bassista Zach Anderson alla chitarra al posto di Dorian Sorraux, l'anima folk blues del gruppo, separano "Lady In Gold" da "Holy Moly!". Inevitabilmente troviamo una band cambiata, maggiormente incline ad allargare il proprio pubblico. Intanto al mixaggio troviamo Andrew Scheps, uno che ha lavorato con Michael Jackson, Audioslave, Red Hot Chili Peppers, Limp Bizkit e mille altri. Una scelta pi¨ da major che da "indie". I singoli che hanno anticipato il disco mostrano una band che vuole provare a fare il salto mostrandosi energica, sensuale e ammiccante. Insomma tutto quello che serve per far arrabbiare i vecchi "stoner" fan che scoprirono la band come side project dei Radio Moscow.

I vecchi fan saranno brontoloni ma hanno anche ragione. Il disco si divide in due modalitÓ di canzoni: i rock graffianti e le ballad soul/pop. I pezzi rock graffianti non sono male (e infatti sono piazzati all'inizio), la band Ŕ nel suo ambiente naturale e la cantante Elin Larsson Ŕ a suo agio nel mimare Janis Joplin e Grace Slick con grande carisma, aggiungendo buone dosi di soul. Peccato che le ballad siano completamente fuori luogo, pi¨ adatte ad un disco di Adele e ad un pubblico con la lacrima facile che ad hard-rockers. Temo che questa svolta "pop" non garantirÓ vendite superiori, ma sar˛ felice di essere smentito. Se amate il soul-rock potreste trovarlo piacevole ma in giro c'Ŕ di meglio. Una discreta delusione.

[Dale P.]

Canzoni significative: Proud Woman, Low Road.

Questa recensione Ú stata letta 500 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Small Jackets - Play At High LevelSmall Jackets
Play At High Level
Sisteria - Dark MatterSisteria
Dark Matter
Hellacopters - By The Grace Of GodHellacopters
By The Grace Of God
Gluecifer - Basement ApesGluecifer
Basement Apes
Hallas - ConundrumHallas
Conundrum
Ojm - Under The ThunderOjm
Under The Thunder
Stew - PeopleStew
People
The Lunar Effect -  Calm Before The CalmThe Lunar Effect
Calm Before The Calm
Green Lung - This Heathen LandGreen Lung
This Heathen Land
Who, The - WhoWho, The
Who's Next