Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Holy Moly! - Blues Pills (Nuclear Blast)

Ultime recensioni

AA.VV. - Dirt ReduxAA.VV.
Dirt Redux
Fuzz - IIIFuzz
III
Porridge Radio - Every BadPorridge Radio
Every Bad
Deftones - OhmsDeftones
Ohms
Tallah - MatriphagyTallah
Matriphagy
Exhalants - AtonementsExhalants
Atonements
Lump Hammer - BeastLump Hammer
Beast
Obsidian Kingdom - Meat MachineObsidian Kingdom
Meat Machine
Gargoyl - GargoylGargoyl
Gargoyl
Anna Von Hausswolff - All Thoughts FlyAnna Von Hausswolff
All Thoughts Fly
Blues Pills - Holy Moly!Blues Pills
Holy Moly!
Sprain - As Lost Through CollisionSprain
As Lost Through Collision
Thurston Moore - By The FireThurston Moore
By The Fire
Idles - Ultra MonoIdles
Ultra Mono
Sarah Davachi - Cantus, DescantSarah Davachi
Cantus, Descant
AA.VV. - What Is This That Stands Before Me?AA.VV.
What Is This That Stands Before Me?
Deafbrick - DeafbrickDeafbrick
Deafbrick
Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome

Blues Pills - Holy Moly!
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Nuclear Blast
Anno: 2020
Produzione: Blues Pills
Genere: rock / hard rock / soul
Scheda autore: Blues Pills



4 anni, un disco live e l'avvicendamento del bassista Zach Anderson alla chitarra al posto di Dorian Sorraux, l'anima folk blues del gruppo, separano "Lady In Gold" da "Holy Moly!". Inevitabilmente troviamo una band cambiata, maggiormente incline ad allargare il proprio pubblico. Intanto al mixaggio troviamo Andrew Scheps, uno che ha lavorato con Michael Jackson, Audioslave, Red Hot Chili Peppers, Limp Bizkit e mille altri. Una scelta più da major che da "indie". I singoli che hanno anticipato il disco mostrano una band che vuole provare a fare il salto mostrandosi energica, sensuale e ammiccante. Insomma tutto quello che serve per far arrabbiare i vecchi "stoner" fan che scoprirono la band come side project dei Radio Moscow.

I vecchi fan saranno brontoloni ma hanno anche ragione. Il disco si divide in due modalità di canzoni: i rock graffianti e le ballad soul/pop. I pezzi rock graffianti non sono male (e infatti sono piazzati all'inizio), la band è nel suo ambiente naturale e la cantante Elin Larsson è a suo agio nel mimare Janis Joplin e Grace Slick con grande carisma, aggiungendo buone dosi di soul. Peccato che le ballad siano completamente fuori luogo, più adatte ad un disco di Adele e ad un pubblico con la lacrima facile che ad hard-rockers. Temo che questa svolta "pop" non garantirà vendite superiori, ma sarò felice di essere smentito. Se amate il soul-rock potreste trovarlo piacevole ma in giro c'è di meglio. Una discreta delusione.

[Dale P.]

Canzoni significative: Proud Woman, Low Road.

Questa recensione é stata letta 52 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Hellacopters - High VisibilityHellacopters
High Visibility
Blood Ceremony - Living With The AncientsBlood Ceremony
Living With The Ancients
Ojm - The Light AlbumOjm
The Light Album
Hellacopters - By The Grace Of GodHellacopters
By The Grace Of God
Blue Cheer - Vincebus EruptumBlue Cheer
Vincebus Eruptum
Who, The - WhoWho, The
Who's Next
Stew - PeopleStew
People
Gluecifer - Basement ApesGluecifer
Basement Apes
Graveyard - Hisingen BluesGraveyard
Hisingen Blues
Ojm - Under The ThunderOjm
Under The Thunder