Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Who, The - Who's Next (MCA)

Ultime recensioni

Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues
Thou - UmbilicalThou
Umbilical
Porcelain - PorcelainPorcelain
Porcelain
Eye - Dark LightEye
Dark Light
Bala - BestaBala
Besta
Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight

Who, The - Who's Next
Autore: Who, The
Titolo: Who's Next
Anno: 1971
Produzione:
Genere: rock / hard rock /

Voto:



Nel 1970, gli Who erano un gruppo al centro dell'attenzione dei media e del pubblico. Avevano pubblicato IL concept album per eccellenza (Tommy), che gli aveva regalato soldi e successo, e quel Live At Leeds, considerato da più parti come IL disco live per eccellenza. A quel punto si doveva solo completare il tutto con IL disco rock per eccellenza. E la cosa riuscì. Ma, in origine, Pete Townshend (il chitarrista visionario autore di musiche, testi, distruzione di chitarre e chissà cos'altro) aveva in mente un altro concept: Lifehouse. Il progetto non riuscì mai a decollare (se non recentemente ma come solista) ma, alcune canzoni, vennero riutilizzate proprio per questo Who's Next. La più importante è Baba O'Riley. Una delle aperture di disco più folgoranti della storia. Un arrangiamento geniale e assolutamente inedito per l'epoca fanno di questa canzone una delle più belle della storia della musica. Il successo del disco, al di là della fama del gruppo, venne dalla versione tagliata di "Won't Get Fooled Again", in origine (e su disco) di 8 minuti e 32 secondi. Altri momenti indimenticabili vengono dalla delicata "Behind Blue Eyes" in seguito momento fisso degli Who dal vivo e dalla incredibile "Naked Eye". Ma, essendo per chi scrive, il disco Rock per eccellenza degli anni 70 è naturale segnalare tutte le canzoni del disco. Gli Who negli anni 70 divennero il miglior gruppo rock al mondo. Grazie alla chitarra di Pete Townshend che disegnò trame originalissime e potenti, alla cristallina voce di Roger Daltrey e alla sezione ritmica. Il basso di John Entwistle e la batteria di Keith Moon sono sorprendenti per precisione e potenza.

Dopo il successo (sia di critica che di pubblico) di Who's Next non farà sedere i nostri sugli allori. Il disco successivo sarà quel Quadrophenia che tanti gruppi ha influenzato. L'inizio del declino arriverà qualche anno più tardi con la morte di Keith Moon. A quel punto la magia non fu più ripetibile. Il meccanismo si ruppe. Ma gli Who ci lasceranno con almeno 8 dischi che non dovrebbero mancare a nessuno. Questa, però, è un altra storia.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 4126 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Ojm - Under The ThunderOjm
Under The Thunder
Blue Cheer - Vincebus EruptumBlue Cheer
Vincebus Eruptum
Hellacopters - By The Grace Of GodHellacopters
By The Grace Of God
Small Jackets - Play At High LevelSmall Jackets
Play At High Level
Graveyard - Hisingen BluesGraveyard
Hisingen Blues
Gluecifer - Basement ApesGluecifer
Basement Apes
Stew - PeopleStew
People
Hallas - ConundrumHallas
Conundrum
Sisteria - Dark MatterSisteria
Dark Matter
Who, The - WhoWho, The
Who's Next