´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Old Star - Darkthrone (Peaceville)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Darkthrone - Old Star
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Peaceville
Anno: 2019
Produzione: Darkthrone
Genere: metal / black metal / doom
Scheda autore: Darkthrone



Passano gli anni ma i Darkthrone sono sempre dei ragazzini innamorati dell'heavy metal, meglio se underground. Con questo "Old Star" superano la quindicina di uscite dal 1992, senza aver mai abbassato il livello qualitativo: pure quando un disco sembrava minore, ripreso in mano dopo qualche anno, riprendeva a brillare di luce propria.

"Old Star" Ŕ stato accolto praticamente all'unanimitÓ come un ottimo disco, grazie anche alle influenze "old school" che si porta dentro. La produzione grezza di Nocturno Culto degnamente mixata da Sanford Parker ci fa entrare nel mood senza distrazioni. Le sei canzoni qui contenute sono fra le migliori mai scritte dal duo, appartenenti ad un mondo fatto di ascolti di extreme metal sotto tempeste di neve. Il vecchio doom, quello di scuola 82-86, Venom, Celtic Frost, il metal estremo prima dei Mayhem. I tempi quasi mai serrati, la voce catacombale, i riff semplici ma diretti sono al servizio di brani che vi trasporteranno nella cameretta di Fenriz e Nocturno Culto nel 1987.

Una piccola lezione di storia e un grande disco, adatto sia ai profani che agli ormai anziani ascoltatori.

[Dale P.]

Canzoni significative: The Hardship Of The Scots, Alp Man.


Questa recensione Ú stata letta 158 volte!
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Darkthrone - Too Old Too Cold EPDarkthrone
Too Old Too Cold EP

tAXI dRIVER consiglia

Altar Of Plagues - MammalAltar Of Plagues
Mammal
Ulver - Shadows Of The SunUlver
Shadows Of The Sun
Mgla - Age Of ExcuseMgla
Age Of Excuse
Oranssi Pazuzu - KosmonumentOranssi Pazuzu
Kosmonument
Liturgy - AesthethicaLiturgy
Aesthethica
Liturgy - H.A.Q.Q.Liturgy
H.A.Q.Q.
White Ward - Love Exchange FailureWhite Ward
Love Exchange Failure
Ettrick - Sudden Arrhythmic DeathEttrick
Sudden Arrhythmic Death
Frostmoon Eclipse - Death Is ComingFrostmoon Eclipse
Death Is Coming
Deathspell Omega - ParacletusDeathspell Omega
Paracletus