Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

The Furnaces Of Palingenesia - Deathspell Omega (Norma Evangelium Diaboli)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Deathspell Omega - The Furnaces Of Palingenesia
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2019
Produzione:
Genere: metal / black metal / avantgarde
Scheda autore: Deathspell Omega



Da sempre i Deathspell Omega sono la perfetta colonna sonora per l’apocalisse, la fine di ogni speranza, l’assenza totale di pietà e compatimento. Filosofia satanica e misantropica al suo apice.

A differenza dei connazionali Blut Aus Nord, le coordinate dei Deathspell Omega rimangono grosso modo sempre le stesse con cascate di riff dissonanti, arpeggi sinistri, suoni di chitarra acidi (quasi industrial) e ritmiche allucinate (uno dei tanti punti di forza della band).

Si passa dalle meravigliose sfuriate di “The Fires Of Frustation” o “Imitatio Dei”, all’incedere malato e disperato di “Ad Arma! Ad Arma!” e “1523” . Se li conoscete, sapete benissimo che un disco dei Deathspell Omega non è un’opera facile: le intricate trame chitarristiche vanno fatte sedimentare nella propria testa, ma ascolto dopo ascolto il dipinto nero si dipana davanti agli occhi in tutta la sua magnificenza e ricchezza di dettagli.

La solita ottima interpretazione vocale di Mikko Aspa si chiude sulla lugubre e decadente “ballad” finale “You Cannot Even Find The Ruins…”, degno finale dell’ennesimo capolavoro targato Deathspell Omega.

Il disco è stato registrato live in analogico e questo, pur rendendo la produzione non pulitissima, regala un feeling spettacolare a tutto il lavoro che va ad arricchire la discografia di una delle più grandi band dell’odierno metal estremo.

[Francesco Traverso]

Canzoni significative: Neither Meaning Or Justice, The Fires Of Frustration, Imitatio Dei, Renegade Ashes, You Cannot Even Find The Ruins…


Questa recensione é stata letta 121 volte!
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Deathspell Omega - ParacletusDeathspell Omega
Paracletus

tAXI dRIVER consiglia

Gallhammer - Ill InnocenceGallhammer
Ill Innocence
Ettrick - Sudden Arrhythmic DeathEttrick
Sudden Arrhythmic Death
Deathspell Omega - ParacletusDeathspell Omega
Paracletus
Liturgy - H.A.Q.Q.Liturgy
H.A.Q.Q.
Mizmor - CairnMizmor
Cairn
Deathspell Omega - The Furnaces Of PalingenesiaDeathspell Omega
The Furnaces Of Palingenesia
Altar Of Plagues - MammalAltar Of Plagues
Mammal
Liturgy - AesthethicaLiturgy
Aesthethica
Werian - AnimistWerian
Animist
Darkthrone - Old StarDarkthrone
Old Star