Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Dorthia Cottrell - Death Folk Country (Relapse)

Ultime recensioni

Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII
Rid Of Me - Access To The LonelyRid Of Me
Access To The Lonely
Green Lung - This Heathen LandGreen Lung
This Heathen Land
Ragana - DesolationRagana
Desolation's Flower
Reverend Kristin Michael Hayter - Saved!Reverend Kristin Michael Hayter
Saved!
Svalbard - The Weight Of The MaskSvalbard
The Weight Of The Mask
Wolves In The Throne Room - Crypt of Ancestral KnowledgeWolves In The Throne Room
Crypt of Ancestral Knowledge
Boris - & Uniform - Bright New DiseaseBoris
& Uniform - Bright New Disease
Paroxysm Unit - Fragmentation StratagemParoxysm Unit
Fragmentation Stratagem
Agriculture - AgricultureAgriculture
Agriculture

Dorthia Cottrell - Death Folk Country
Autore: Dorthia Cottrell
Titolo: Death Folk Country
Etichetta: Relapse
Anno: 2023
Produzione: Jon K
Genere: rock / folk / country

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Death Folk Country





Non è raro che i cantanti di band (di successo o meno) dopo alcuni anni di attività decidano di intreprendere una carriera solista. Molto spesso questi progetti mettono in mostra la reale anima di artisti che si sentono ingabbiati dai clichè di genere in cui devono muoversi con i propri compagni. Alcune volte è solo una questione di ego. Dorthia Cottrell è la cantante dei doomster Windhand, band la cui definizione di genere sta comunque stretta, e arriva con Death Folk Country al suo secondo disco solista dopo l'album omonimo del 2015 (attualmente introvabile in formato fisico, speriamo in una ristampa). A differenza dei colleghi succitati Dorthia per certi versi completa il sound della sua band madre, un po' come fecero le parentesi acustiche degli Alice In Chains tra un disco e l'altro. Il mood è infatti quello maliconico e lento della band madre con la sola differenza che le canzoni sono accompagnate esclusivamente da una chitarra e qualche suono d'ambiente (chitarre suonate anche da un paio di Inter Arma). Per esempio il riff di "Midnight Boy" potrebbe essere quello portante di un brano dei Windhand. Nel brano, tra l'altro, troviamo proprio il bassista Parker Chandler assieme a Gina Gleason dei Baroness e Leanne Martz delle Misstallica. Le tre ragazze hanno tempo fa registrato un brano sotto il nome Darling lasciando presagire la nascita di un nuovo interessante progetto.

Secondo me queste belle canzoni sono esattamente quello che mancano ai dischi monolitici della band principale che seppur ottimi godrebbero di maggior considerazione grazie ad un ambientazione "death folk country".

L'unico difetto del disco è la copertina orrenda, per il resto è tutto più che ottimo.

[Dale P.]

Canzoni significative: Harvester, Midnight Boy.


Questa recensione é stata letta 334 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Steve Earle - Transcendental BluesSteve Earle
Transcendental Blues
Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
Southern Isolation - Southern IsolationSouthern Isolation
Southern Isolation
Lankum - False LankumLankum
False Lankum
Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
Johnny Cash - The Man Comes AroundJohnny Cash
The Man Comes Around
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
Ed Harcourt - Here Be MonstersEd Harcourt
Here Be Monsters