´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Shearwater - Animal Joy (Sub Pop)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Shearwater - Animal Joy
Titolo: Animal Joy
Etichetta: Sub Pop
Anno: 2012
Produzione:
Genere: rock / folk / pop

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Sono certo che gli Shearwater diano la merda a parecchi esponenti della marmaglia indie-gesta e inutile in giro per il mondo. e' un progetto che ha ragion d'essere perch├ę genera canzoni avvincenti, perche' c'e' di mezzo un cantante che non sembra una quaglia urlatrice incapace di intonare due note di fila, perche' c'e' un lavoro di ricerca palese che non brucia l'entusiasmo dopo due-tre ascolti. E perche' di band tutte uguali che si scimmiottano a vicenda secondo le piu' becere leggi del riciclo di mercato ne ho piene le palle. Sparatevi, per cortesia.

Ma torniamo agli Shearwater che, giunti al settimo album in studio, continuano a godere dell'indifferenza di gran parte del pubblico, ma a sfornare musica d'autore intensa, sempre ben calibrata e non solo nei dettagli sonori. I testi trattano ancora del rapporto uomo-natura e i rimandi alla grande passione del leader Jonathan Meiburg, l'ornitologia, non mancano.

"Animal Joy" e' l'espansione sonora che non mi aspettavo. Il folk degli esordi si e' imbastardito assorbendo impeti new-wave e un certo spirito post-punk mette fuori la testa in "Immaculate". Tutto e' pero' amalgamato con lo spirito del gruppo, non c'e' alcuna ruffianeria separata dal corpo.

La band rispetta il proprio canone sia quando preme l'acceleratore nei frangenti piu' catchy ("You As You Were"), sia nelle ballate in penombra ("Run The Banner Down"). Ma gli episodi piu' interessanti sono "Breaking The Yearlings" col suo incedere quasi meccanico, la cristallina "Insolence" e "Believing Makes It Easy", infiorata da melodie rampicanti di pregevole foggia.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Insolence, Breaking The Yearlings, Immaculate, Run The Banner Down.

Questa recensione Ú stata letta 2198 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Lankum - False LankumLankum
False Lankum
Dorthia Cottrell - Death Folk CountryDorthia Cottrell
Death Folk Country
Southern Isolation - Southern IsolationSouthern Isolation
Southern Isolation
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Giant Sand - Cover MagazineGiant Sand
Cover Magazine
Ed Harcourt - Here Be MonstersEd Harcourt
Here Be Monsters
Steve Earle - Transcendental BluesSteve Earle
Transcendental Blues