Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Steve Earle - Transcendental Blues (Artemis)

Ultime recensioni

Orange Goblin - Science Not FictionOrange Goblin
Science Not Fiction
Crypt Sermon - The Stygian RoseCrypt Sermon
The Stygian Rose
Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast

Steve Earle - Transcendental Blues
Autore: Steve Earle
Titolo: Transcendental Blues
Anno: 2000
Produzione:
Genere: rock / folk / pop

Voto:



Non fatevi ingannare dal titolo. Qua di blues ce n' poco. Ma conoscendo Steve Earle non una novit. Pi vicino a Bruce Springsteen che ai vecchi bluesman, Steve si fa amare per le sue canzoni tipicamente americane con alcune sfuriate elettriche (che ad alcuni critici hanno ricordato i Nirvana, a me non tanto ma visto che esiste una versione del disco con la cover di Breed forse dovrei ricredermi), ballate e canzoni da viaggio nelle highway statunitensi.

Canzoni come la title track sanno toccare le corde giuste per farci sentire un po' malinconici. Il disco infatti intriso di una certa malinconia di fondo (per questo il riferimento al blues del titolo) che l'ideale per accompagnarci nelle tristi giornate invernali, un po' meno per quelle estive.

Ma questo poco importante. Infatti il disco pieno di canzoni magnifiche (sempre che apprezziate un determinato tipo di rock), ecco le prime che mi vengono in mente: la gi citata Transcendental Blues, This Town, la tranquilla I Can Wait, le divertenti Steve's Last Ramble e The Galway Girl e la toccante Lonelier Than This. In tutto il disco svetta la splendida voce di Steve, capace di dare alle canzoni una marcia in pi e di far passare sopra ai difetti di una band non certo incredibile (non sono certo gli Heartbreakers o la E-Street Band).

Concludendo: un grandissimo disco, consigliato agli amanti del classic rock, a tutti quelli che aspettano da troppo tempo un nuovo disco di Bruce Springsteen e tutti quelli allevati negli anni 80 da Tom Petty. Gli altri lascino stare. Ma sappiano che si perdono della gran musica.

[Dale P.]

Canzoni significative: Transcendental Blues, This Town, All Of My Life.


Questa recensione stata letta 3203 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Lankum - False LankumLankum
False Lankum
Emma Ruth Rundle - Engine Of HellEmma Ruth Rundle
Engine Of Hell
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal
Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy
Ed Harcourt - Maplewood EPEd Harcourt
Maplewood EP
Ed Harcourt - Here Be MonstersEd Harcourt
Here Be Monsters