Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Here Be Monsters - Ed Harcourt (Heavenly)

Ultime recensioni

Kirk Windstein - Dream In MotionKirk Windstein
Dream In Motion
Konvent - Puritan MasochismKonvent
Puritan Masochism
Calibro 35 - MomentumCalibro 35
Momentum
Sons - Family DinnerSons
Family Dinner
Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code

Ed Harcourt - Here Be Monsters
Voto:
Anno: 2001
Produzione:
Genere: rock / folk / pop
Scheda autore: Ed Harcourt



Ascolti Marplewood (l'ep d'esordio) e ti aspetti che, al debutto su lunga distanza, il nostro Ed, ci regali un disco di tenere ballate arrangiate un po' con la chitarra, un po' al piano. Ti aspetti anche che diventi la punta di diamante del NAM. E invece dopo decine di ascolti rimane ancora lo stupore della prima volta. Già dall'iniziale "Something in My Eye" sembra di ascoltare una outtake di Ok Computer. Ma nel senso migliore del termine (ovvero genialità, raffinatezza e bellezza) e non nel peggiore (leggi Muse, Coldplay e co.). L'esempio è fuorviante. Più si va avanti nel disco e più si viene rapiti da esso. Anche perchè se l'inizio è memorabile è dopo la metà che vengono fuori le cose più ardite. Per la precisione dopo "Hanging With The Wrong Crowd" e "Apple Of My Eye" alla cabina di produzione si affaccia Dave Fridmann ovvero mister Flaming Lips e Mercury Rev. Ovvero sperimentazione e psichedelia. Ovvero garanzia di qualità. E così è. Quando si arriva alla fine del disco, mettendo il repeat, si fatica quasi a riconoscere l'autore dei brani (che è sempre Ed). L'unica cosa in comune è l'alta qualità delle songs. Da comprare a scatola chiusa.

[Dale P.]

Canzoni significative: Something In My Eye, Beneath The Heart Of Darkness.

Questa recensione é stata letta 3622 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Ed Harcourt - Maplewood EPEd Harcourt
Maplewood EP

tAXI dRIVER consiglia

William Elliott Whitmore - Field SongsWilliam Elliott Whitmore
Field Songs
Southern Isolation - Southern IsolationSouthern Isolation
Southern Isolation
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Ed Harcourt - Maplewood EPEd Harcourt
Maplewood EP
Steve Earle - Transcendental BluesSteve Earle
Transcendental Blues
Ed Harcourt - Here Be MonstersEd Harcourt
Here Be Monsters
Giant Sand - Cover MagazineGiant Sand
Cover Magazine
Johnny Cash - The Man Comes AroundJohnny Cash
The Man Comes Around
Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal