Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Dry As A Bone/Rehab Doll - Green River (Sub Pop)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Green River - Dry As A Bone/Rehab Doll
Voto:
Etichetta: Sub Pop
Anno: 1988
Produzione:
Genere: rock / grunge / punk
Scheda autore: Green River



Dopo il seminale "Come On Down" Steve Turner se ne và, infastidito dalle pose metal dei compagni Stone Gossard e Jeff Ament, colpevoli di cercare il successo a tutti i costi sacrificando la purezza musicale. Il tempo darà ragione sì a Turner (Jeff e Stone fonderanno i multimilionari Pearl Jam) ma anche torto dato che i Mudhoney (di cui diverrà chitarrista) in pieno periodo d'oro grunge non si fecero scappare l'occasione di firmare per una major e assicurarsi una pensione di tutto rispetto! Oltretutto dopo quel mitico EP, la Homestead cacciò il gruppo (non ci fece una lira) e se li assicurò l'appena nata Sub Pop. Nel giro di 3 anni i nostri riuscirono a scrivere solo 5 canzoni, che finiranno nell'EP "Dry As A Bone". L'EP forgiò il grunge. Bastava prendere un successivo disco marchiato Sub Pop per capire che tutto deriva da qui. Le chitarre, specialità del produttore Jack Endino (allora negli altrettanto seminali Skin Yard), sono laceranti e toste, mai pompose e belle grezze. Ascoltando le canzoni ci chiediamo cosa potessero avere di metal, ma, allo stesso tempo, non avevano niente di punk. Era una geniale commistione dei due generi, presto chiamato grunge. Se volete sapere la definizione di questo genere cercate tra questi solchi. Bellissima l'iniziale "This Town" e la stoogesiana "Unwind". Nella ristampa che si trova nei negozi ora sono presenti 3 brani inediti (una alternate version di "Searchin'", "Ain't Nothing To Do" dei Dead Boys e "Queen Bitch" di David Bowie) e il primo vero disco della band: "Rehab Doll". L'esordio "adulto" arriverà dopo lo scioglimento e ha poco a che fare con il sound che aveva la band fino ad allora. La musica si rifà allo street in voga in quel periodo e non regala niente di straordinariamente originale come gli EP pubblicati fino ad allora. Sembra una versione grezza e mal prodotta dei futuri Mother Love Bone. I curiosi troveranno comunque qualche episodio notevole.

[Dale P.]

Canzoni significative: This Town, Unwind, Ain't Nothing To Do, Queen Bitch.


Questa recensione é stata letta 4539 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Green River - Come On DownGreen River
Come On Down

NEWS


16/02/2011 Al Lavoro Su Nuovo Materiale

tAXI dRIVER consiglia

Godsmack - FacelessGodsmack
Faceless
Godsmack - AwakeGodsmack
Awake
Soundgarden - Down On The UpsideSoundgarden
Down On The Upside
Default - The FalloutDefault
The Fallout
Cold - 13 Ways To Bleed On StageCold
13 Ways To Bleed On Stage
Plush - HandsPlush
Hands
Jerry Cantrell - Degradation TripJerry Cantrell
Degradation Trip
Stabbing Westward - Stabbing WestwardStabbing Westward
Stabbing Westward
Nirvana - Unplugged In New YorkNirvana
Unplugged In New York
Pearl Jam - Live At The Garden [DVD]Pearl Jam
Live At The Garden [DVD]