´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Guiltless - Indian (Relapse)

Ultime recensioni

Appalooza - The Holy Of HoliesAppalooza
The Holy Of Holies
Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennan÷h - Longing for BelongingZola Mennan÷h
Longing for Belonging
Molassess - Through The HollowMolassess
Through The Hollow

Indian - Guiltless
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Relapse
Anno: 2011
Produzione: Sanford Parker
Genere: metal / doom / sludge



Ancora note impresse dall'onnipresente Sanford Parker, qui in cabina di regia per il secondo album degli Indian, formazione in cui milita Will Lindsay, compagno di ventura del basettone dei Minsk nei Nachtmystium (ma nel suo curriculum ci sono anche Wolves In The Throne Room e Middian).

"Guiltless" e' un album possente dal sound soffocante e maligno, edificato su quello sludge/doom infernale che discende dal ramo degli Ahab e di Yob, Unearthly Trance, Kongh, band a cui i chicagoani qui presenti somigliano macroscopicamente.

Sono mortiferi e il riffing slabbrato ed opprimente impregna ogni interstizio di queste sette tracce e i latrati canini di etimo black metal di Lindsay gonfiano l'aria scura che aleggia per l'intero tragitto. Le cose migliori si sentono ad inizio e fine di tracklist: l'assalto all'arma bianca di "No Grace" non fa prigionieri, "Benality" pare venir fuori dai Today Is The Day agonizzanti. Il resto non merita alcuna infamia ma non c'e' nulla da tramandare ai posteri.

Gli Indian sanno perfettamente quel che fanno ma non spostano di un millimetro il baricentro di un genere ormai circoscritto nei suoi standard creativi. Di certo non rientra nelle loro intenzioni rivoluzionare i codici dello sludge/doom e di questo non gliene facciamo alcuna colpa. Resta il fatto che "Guiltless" sia esclusivamente riservato a tuttologhi e cultori sfegatati.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: No Grace; Benality; The Fate Before Fate.

Questa recensione Ú stata letta 1870 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Konvent - Puritan MasochismKonvent
Puritan Masochism
Ramesses - Take The CurseRamesses
Take The Curse
Blood Ceremony - The Eldritch DarkBlood Ceremony
The Eldritch Dark
Middian - Age EternalMiddian
Age Eternal
Mammoth Weed Wizard Bastard - Yn Ol I AnnwnMammoth Weed Wizard Bastard
Yn Ol I Annwn
Bloody Panda - SummonBloody Panda
Summon
Devil - Time To RepentDevil
Time To Repent
Yob - AtmaYob
Atma
Unearthly Trance - ElectrocutionUnearthly Trance
Electrocution
Obrero - Mortui Vivos DocentObrero
Mortui Vivos Docent