Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

If Thine Enemy Hunger - Jucifer (Relapse)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Jucifer - If Thine Enemy Hunger
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Relapse
Anno: 2006
Produzione: Jucifer
Genere: metal / sludge / alternative
Scheda autore: Jucifer


Compra Jucifer su Taxi Driver Store


Nel mare tempestoso di metal, hardcore, post-tutto, indie e suffissi vari ogni tanto è un sospiro di sollievo ascoltare una band che suona del puro e semplice "alternative". Sarà che sono cresciuto con band che facevano del rumore la base di partenza per costruire canzoni e album, ma ogni volta che capita di sentire certi suoni ti chiedi come mai da dopo il 1996 non ci siano più.

Sarà nostalgia, ma quando ripenso ai tempi d'oro di label come Touch & Go e Amphetamine Reptile mi scende una lacrimuccia.

I Jucifer, sono un duo di Athens, Georgia, famosa per essere patria dei R.E.M. e poco altro. Insieme dal 1993 (e questo spiega tante cose sul loro suono), lei si chiama Amber Valentine, suona la chitarra e canta. Sembra una spogliarellista precocemente invecchiata, armata di minigonne e muro di Ampeg. Lui si chiama Edgar Livengood e suona la batteria con quel tocco leggero che sta tra Dale Crover e il suono che esce dagli Electric Studios di Steve Albini.

Adorano i Melvins.

Il loro sound sta a metà tra il potente rumore della band di King Buzzo e le depressioni del Nord-Ovest. Tipo Smashing Pumpkins, Hole, Babes In Toyland. Il minimalismo della formazione però porta i due ad esprimersi in maniera piuttosto originale, senza, ovviamente brindare alla rivoluzione.

Sospesi in un era che non esiste più, come se rifiutassero ogni evoluzione sonora avvenuta dopo il 1993. Un piccolo gruppo da tenersi vicino e amare nei periodi bui.

[Dale P.]

Canzoni significative: Pontius Of Palia, Amplifier.


Questa recensione é stata letta 3207 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Jucifer - LJucifer
L'Autrichienne

NEWS


08/09/2014 Video Delle Prove
14/07/2013 Annunciano Il Nuovo Album

tAXI dRIVER consiglia

Lair Of The Minotaur - War Metal Battle MasterLair Of The Minotaur
War Metal Battle Master
Gersch, The - The GerschGersch, The
The Gersch
Torche - AdmissionTorche
Admission
Kylesa - To Walk A Middle CourseKylesa
To Walk A Middle Course
Bongripper - Satan Worshipping DoomBongripper
Satan Worshipping Doom
Down - IIDown
II
Time To Burn - Starting PointTime To Burn
Starting Point
AA.VV. - Neurot Recordings IAA.VV.
Neurot Recordings I
Ufomammut - Opus AlterUfomammut
Opus Alter
Overmars - Affliction, Endocrine...VertigoOvermars
Affliction, Endocrine...Vertigo