´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

If Thine Enemy Hunger - Jucifer (Relapse)

Ultime recensioni

Might - MightMight
Might
Appalooza - The Holy Of HoliesAppalooza
The Holy Of Holies
Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennan÷h - Longing for BelongingZola Mennan÷h
Longing for Belonging

Jucifer - If Thine Enemy Hunger
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Relapse
Anno: 2006
Produzione: Jucifer
Genere: metal / sludge / alternative
Scheda autore: Jucifer


Compra Jucifer su Taxi Driver Store


Nel mare tempestoso di metal, hardcore, post-tutto, indie e suffissi vari ogni tanto Ŕ un sospiro di sollievo ascoltare una band che suona del puro e semplice "alternative". SarÓ che sono cresciuto con band che facevano del rumore la base di partenza per costruire canzoni e album, ma ogni volta che capita di sentire certi suoni ti chiedi come mai da dopo il 1996 non ci siano pi¨.

SarÓ nostalgia, ma quando ripenso ai tempi d'oro di label come Touch & Go e Amphetamine Reptile mi scende una lacrimuccia.

I Jucifer, sono un duo di Athens, Georgia, famosa per essere patria dei R.E.M. e poco altro. Insieme dal 1993 (e questo spiega tante cose sul loro suono), lei si chiama Amber Valentine, suona la chitarra e canta. Sembra una spogliarellista precocemente invecchiata, armata di minigonne e muro di Ampeg. Lui si chiama Edgar Livengood e suona la batteria con quel tocco leggero che sta tra Dale Crover e il suono che esce dagli Electric Studios di Steve Albini.

Adorano i Melvins.

Il loro sound sta a metÓ tra il potente rumore della band di King Buzzo e le depressioni del Nord-Ovest. Tipo Smashing Pumpkins, Hole, Babes In Toyland. Il minimalismo della formazione per˛ porta i due ad esprimersi in maniera piuttosto originale, senza, ovviamente brindare alla rivoluzione.

Sospesi in un era che non esiste pi¨, come se rifiutassero ogni evoluzione sonora avvenuta dopo il 1993. Un piccolo gruppo da tenersi vicino e amare nei periodi bui.

[Dale P.]

Canzoni significative: Pontius Of Palia, Amplifier.


Questa recensione Ú stata letta 3285 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Jucifer - LJucifer
L'Autrichienne

NEWS


08/09/2014 Video Delle Prove
14/07/2013 Annunciano Il Nuovo Album

tAXI dRIVER consiglia

Keelhaul - Triumphant Return To ObscurityKeelhaul
Triumphant Return To Obscurity
Torche - AdmissionTorche
Admission
Overmars - Affliction, Endocrine...VertigoOvermars
Affliction, Endocrine...Vertigo
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Mastodon - Call Of The MastodonMastodon
Call Of The Mastodon
Kylesa - To Walk A Middle CourseKylesa
To Walk A Middle Course
Time To Burn - Starting PointTime To Burn
Starting Point
Rainbow Grave - No YouRainbow Grave
No You
Down - III - Over The UnderDown
III - Over The Under
Gersch, The - The GerschGersch, The
The Gersch