Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Equilibrium - Kabang (Tribro)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Kabang - Equilibrium
Voto:
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / hard rock /
Scheda autore: Kabang



Non c’è molto da dire sui “Kabang”, originari di New York City, attualmente dislocati in Orlando Florida. L’ultima produzione risalente al Marzo del 2003 si intitola “Equilibrium”: in questo cd, caratterizzato da un’ottima produzione e con qualche grosso nome alle spalle come Jason Corsaro, Rob Dexter (bass), Steve Bell (chitarrista e cantante) e Ian Budha (batterista e cantante) sono i protagonisti di questo album che al primo ascolto mi riporta ai Cult ed ai loro riff granitici. Ma le sfumature sono molteplici, e in questo caso caratterizzano il lavoro del gruppo: i Kabang pur non allontanandosi troppo da quello che prescrive un buon album Hard Rock, basso incisivo, chitarra che cadenza riff di notevole impatto e batteria regolare pronta ad accentare dove serve, il tutto condito da una bella voce calda e cavernosa, riescono in parte a evolvere i punti cardinali del genere.

Sono proprio chitarra e basso (ma soprattutto il basso, che spicca per incisività dalle tracce audio) con le loro sonorità nu-metal, a ravvivare un album di sette tracce “incompleto” e per certi versi immaturo. Immaturo perché ho assaggiato “Equilibrium” come se fosse l’antipasto di qualcosa di più grande e spero che il lavoro della band possa proseguire su quegli spunti e quelle sonorità che attirano l’attenzione a scapito di uno sfondo convenzionale.

Tutte le band dovrebbero ascoltare questo cd per imparare come si registra e quale è il significato di un’ottima produzione.

[ADam]

Questa recensione é stata letta 8459 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Hallas - ConundrumHallas
Conundrum
Gluecifer - Basement ApesGluecifer
Basement Apes
Graveyard - Hisingen BluesGraveyard
Hisingen Blues
Hellacopters - By The Grace Of GodHellacopters
By The Grace Of God
Ojm - Under The ThunderOjm
Under The Thunder
Small Jackets - Play At High LevelSmall Jackets
Play At High Level
Hellacopters - High VisibilityHellacopters
High Visibility
Stew - PeopleStew
People
Ojm - The Light AlbumOjm
The Light Album
The Lunar Effect -  Calm Before The CalmThe Lunar Effect
Calm Before The Calm