´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Lowrider - Refractions (Blues Funeral)

Ultime recensioni

Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
BrÝi - Corpos TransparentesBrÝi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Mis■yrming - Me­ HamriMis■yrming
Me­ Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade
Dead Cross - IIDead Cross
II
Just Mustard - Heart UnderJust Mustard
Heart Under
Otoboke Beaver - Super ChamponOtoboke Beaver
Super Champon
Caustic Casanova - Glass Enclosed Nerve CenterCaustic Casanova
Glass Enclosed Nerve Center
The Lovecraft Sextet - MiserereThe Lovecraft Sextet
Miserere
Gaerea - MirageGaerea
Mirage
Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut

Lowrider - Refractions
Autore: Lowrider
Titolo: Refractions
Etichetta: Blues Funeral
Anno: 2020
Produzione: Peder Bergstrand
Genere: rock / stoner / psych

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Nel 1996 i Kyuss si sciolsero dopo una carriera perfetta spargendo il verbo stoner in tutto il mondo. Una delle prime band a raccoglierne una parte di ereditÓ furono gli svedesi Lowrider, un nome che farÓ brillare gli occhi ad alcuni veterani della scena. Nel 1998 pubblicarono un leggendario split con i Nebula e un altro con i meno noti vicini di casa Sparzanza, nel 2000, anno per certi versi di svolta per il genere, pubblicarono il disco "Ode To Io", una delle vette dello stoner rock. Dopo il nulla. In questi 19 anni il culto non ha raggiunto certo le dimensioni tali da fargli riprendere in mano gli strumenti, da chiamarli per un tour ultramilionario o per ristampe deluxe. Anzi. Ecco perchŔ sono contento di rivederli a sopresa con "Refractions", pubblicato dall'attentissima Blues Funeral Recordings. E sono ancora pi¨ contento nel vedere che nulla Ŕ cambiato in questi 19 anni. Tranne, ovviamente, il mondo intorno. Se ai tempi ascoltare un disco desert rock alla Kyuss era piuttosto semplice ora il genere Ŕ perso in altri lidi, non necessariamente migliori o peggiori. Semplicemente diversi.

"Refractions" per˛ poteva essere suonato in questo modo solo da veterani in pausa da anni racchiudendo tutto il meglio di quel suono, con i classici stilemi del genere: andamento scuoti testa rilassato ma deciso, assoli lisergici, riff ribassati e ricchi di groove, canzoni che si perdono in riflessioni cosmiche. Non si poteva chiedere di meglio ad una band di "non professionisti" che in un colpo solo, per di pi¨ a sorpresa, manda a casa buona parte delle scena.

[Dale P.]

Canzoni significative: Ode to Ganymede, Sernanders Krog.

Questa recensione Ú stata letta 821 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Queens Of The Stone Age - Q.O.T.S.A.Queens Of The Stone Age
Q.O.T.S.A.
AA.VV. - Desert Sound - The Spaghetti Session Vol.1AA.VV.
Desert Sound - The Spaghetti Session Vol.1
Gea - RuggineGea
Ruggine
Dead Meadow - Dead MeadowDead Meadow
Dead Meadow
King Buffalo - RegeneratorKing Buffalo
Regenerator
Zippo - MaktubZippo
Maktub
Colt 38 - Colt ThirtyeightColt 38
Colt Thirtyeight
Brant Bjork - JacoozziBrant Bjork
Jacoozzi
Alix - GroundAlix
Ground
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun