Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Refractions - Lowrider (Blues Funeral)

Ultime recensioni

En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
L.A.Witch - Play With FireL.A.Witch
Play With Fire
Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Zombi - 2020Zombi
2020
Protomartyr - Ultimate Success TodayProtomartyr
Ultimate Success Today
The Beths - Jump Rope GazersThe Beths
Jump Rope Gazers
Hum - InletHum
Inlet

Lowrider - Refractions
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Blues Funeral
Anno: 2020
Produzione: Peder Bergstrand
Genere: rock / stoner / psych
Scheda autore: Lowrider



Nel 1996 i Kyuss si sciolsero dopo una carriera perfetta spargendo il verbo stoner in tutto il mondo. Una delle prime band a raccoglierne una parte di eredità furono gli svedesi Lowrider, un nome che farà brillare gli occhi ad alcuni veterani della scena. Nel 1998 pubblicarono un leggendario split con i Nebula e un altro con i meno noti vicini di casa Sparzanza, nel 2000, anno per certi versi di svolta per il genere, pubblicarono il disco "Ode To Io", una delle vette dello stoner rock. Dopo il nulla. In questi 19 anni il culto non ha raggiunto certo le dimensioni tali da fargli riprendere in mano gli strumenti, da chiamarli per un tour ultramilionario o per ristampe deluxe. Anzi. Ecco perchè sono contento di rivederli a sopresa con "Refractions", pubblicato dall'attentissima Blues Funeral Recordings. E sono ancora più contento nel vedere che nulla è cambiato in questi 19 anni. Tranne, ovviamente, il mondo intorno. Se ai tempi ascoltare un disco desert rock alla Kyuss era piuttosto semplice ora il genere è perso in altri lidi, non necessariamente migliori o peggiori. Semplicemente diversi.

"Refractions" però poteva essere suonato in questo modo solo da veterani in pausa da anni racchiudendo tutto il meglio di quel suono, con i classici stilemi del genere: andamento scuoti testa rilassato ma deciso, assoli lisergici, riff ribassati e ricchi di groove, canzoni che si perdono in riflessioni cosmiche. Non si poteva chiedere di meglio ad una band di "non professionisti" che in un colpo solo, per di più a sorpresa, manda a casa buona parte delle scena.

[Dale P.]

Canzoni significative: Ode to Ganymede, Sernanders Krog.

Questa recensione é stata letta 384 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Vortice Cremisi - PromoVortice Cremisi
Promo
Om - Advaitic SongsOm
Advaitic Songs
Motorpsycho - BarracudaMotorpsycho
Barracuda
Gea - RuggineGea
Ruggine
Danava - Hemisphere Of ShadowsDanava
Hemisphere Of Shadows
Rotor - 4Rotor
4
Masters Of Reality - FlikMasters Of Reality
Flik'n'Flight
Uncle Acid And The Deadbeats - Mind ControlUncle Acid And The Deadbeats
Mind Control
Mondo Generator - Cocaine RodeoMondo Generator
Cocaine Rodeo
Yung Druid - Yung DruidYung Druid
Yung Druid