Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental elettronica

& Stephen Brodsky - Droneflower - Marissa Nadler (Sacred Bones)


Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - Droneflower
rock / folk / dark

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Produzione: Stephen Brodsky
Anno: 2019




Marissa Nadler pur essendo un'artista prolificissima è abile nel rimanere ai margini della scena folk-dark, muovendosi in un territorio delicato e mai gratuitamente oscuro. Rispetto a Emma Ruth Rundle, Chelsea Wolfe, Marissa è figlia di ascolti settantiani (Joni Mitchell, Cat Stevens, Townes Van Zandt, Kris Kristofferson, Tom Petty, Neil Young, Leonard Cohen) ma allo stesso tempo perfettamente calata nella contemporaneità indipendente (Daniel Johnston, Radiohead, Xiu Xiu, Magnetic Fields). I nomi citati sono stati da lei più volte coverizzati e perfettamente "nadlerizzati", diventando essa stessa un ponte fra nuova e vecchia scuola "folk".

Stephen Brodsky è il cantante dei Cave In, Mutoid Man e altri progetti tra l'hardcore e l'alternative rock. Ha conosciuto Marissa ad un concerto a Brooklyn e da lì hanno iniziato a progettare di fare qualcosa insieme. Prima la colonna sonora di un film horror, poi un disco di canzoni.

Nasce quindi "Droneflower", in cui l'eterea voce di Marissa si sposa con la chitarra "heavy" di Brodsky. In realtà, a parte "For The Sun", con un incedere quasi doom è la voce di Marissa l'assoluta protagonista e le atmosfere si mantengono sul folk "sognante". Le atmosfere "horror" sono comunque presenti ("Space Ghost", per esempio), evidente eredità delle prime idee. Da segnalare, oltre ai brani firmati dalla coppia, la presenza di due cover. La prima è "Estranged", epico brano scritto dai Guns'n'Roses, la cui pomposità originale viene soffocata da nubi oscure, e "In Spite Of Me" dei Morphine che vede presente il sax di Dana Colley che curiosamente non suonò nella versione originale.

"Droneflower" è un disco che gli amanti di Marissa non devono perdersi, mentre del Brodsky "caveiniano" c'è ben poco, ma non è certo un male. Chissà se la coppia vorrà regalarci un altro gioiellino in futuro.

[Dale P.]

Canzoni significative: For The Sun, Dead West.


Vota Questo Disco:

Questa recensione é stata letta 49 volte!



tAXI dRIVER consiglia

Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Steve Earle - Transcendental BluesSteve Earle
Transcendental Blues
Ed Harcourt - Maplewood EPEd Harcourt
Maplewood EP
William Elliott Whitmore - Field SongsWilliam Elliott Whitmore
Field Songs
Johnny Cash - The Man Comes AroundJohnny Cash
The Man Comes Around
Marissa Nadler - & Stephen Brodsky - DroneflowerMarissa Nadler
& Stephen Brodsky - Droneflower
Alexander Tucker - PortalAlexander Tucker
Portal
Ed Harcourt - Here Be MonstersEd Harcourt
Here Be Monsters
Southern Isolation - Southern IsolationSouthern Isolation
Southern Isolation
Shearwater - Animal JoyShearwater
Animal Joy