Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Melloncek - Melloncek (Ghost Records)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Melloncek - Melloncek
Voto:
Etichetta: Ghost Records
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / post-rock / indie
Scheda autore: Melloncek



Un lavoro curioso questo dei Melloncek. Se pensate che negli Shandon la mente curiosa e creativa sia solo quella di Olly (che lo ricordiamo è occupato in progetti di vario genere) non avete fatto i conti con il bassista Andrea Castelli.

In collaborazione con il batterista Matteo Novello e coadiuvato da numerosi e variabili musicisti, Andrea racchiude in poco meno di 40 minuti infinite suggestioni da colonna sonora o, per dirla con linguaggio da critico musicale, "post-rock".

10 composizioni strumentali, più o meno lunghe, con infinite atmosfere e suggestioni e rimandi al progressive, al jazz, al folk,all'etnica e all'elettronica con i piedi ben piantati in un retroterra comunque rock.

Quest'esordio dei Melloncek (a cui auguriamo e chiediamo un seguito) incuriosirà i fan degli Shandon ormai cresciuti e saprà conquistare anche i palati degli indie-rocker più snob grazie alla classe cristallina dei protagonisti.

[Dale P.]

Canzoni significative: El Jaber, Hank.

Questa recensione é stata letta 2711 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Nadja - AutopergameneNadja
Autopergamene
Jambinai - ONDAJambinai
ONDA
Fuck Buttons - Street HorrrsingFuck Buttons
Street Horrrsing
Giardini Di Mirò - Rise And Fall Of Academic DriftingGiardini Di Mirò
Rise And Fall Of Academic Drifting
 Madrigali Magri
L'Avaro
Brutus - NestBrutus
Nest
Yuppie Flu - Days Before The DayYuppie Flu
Days Before The Day
Battles - MirroredBattles
Mirrored
 Cods
Sperochettùstia
Grails - Deep PoliticsGrails
Deep Politics