Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Frames - Oceansize (Superball)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Oceansize - Frames
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2007
Produzione: Chris Sheldon
Genere: rock / alternative / post-rock



A dispetto delle previsioni, gli Oceansize tornano alle dilatazioni progressive del bellissimo esordio "Effloresce", rivisitate però attraverso l'accessibilità del precedente "Everyone Into Position". Aumentano i punti di contatto con l'universo post-rock (tangenza presente da sempre nello stile dei Nostri), non solo nei timbri delle chitarre e nelle loro trame, ma anche per via della reiterazione dei temi melodico/strumentali all'interno di ogni singolo brano: già l'insistente giro iniziale di "Commemorative 9/11 T-Shirt" parla da solo, ma si potrebbero tranquillamente menzionare le armonie di "Only Twin" (i Godspeed You! Black Emperor gradirebbero) e l'andamento fluido alla Mono di "An Old Friend Of The Christies". Gli Oceansize stanno cercando di trovare la giusta dimensione fatta di una "essenziale complessità", ovvero di architetture apparentemente semplici che nascondono però tempi dispari e sovrapposizioni armoniche ricercate, il tutto amalgamato in maniera alquanto accessibile, senza straripare in pretenziosi e cerebrali eccessi. Le melodie vocali richiedono un consistente gruzzolo di ascolti per essere comprese ed assorbite, col vocalist Mike Vennart che non si prodiga mai in istrionici gorgheggi ma fa di una distensione tipicamente dredgiana il suo principale modus operandi. "Trail Of Fire" è il momento migliore del lotto, punto focale dove convergono ricami di pianoforte cari ai Radiohead (e, ad ampio respiro, a gran parte della tradizione del british rock da cui gli Oceansize hanno mutuato l'afflato) con suadenti e volteggianti linee vocali. Quasi inattesa l'incursione in territori prettamente meshuggahiani del riff portante di "Sleeping Dogs And Dead Lions", canzone costellata successivamente da politonali scale jazzate in botta e risposta con la voce. Disco non facile questo "Frames" che mostra come gli Oceansize siano una band in continua evoluzione e tra le migliori del panorama rock contemporaneo, una formazione che non ha per forza bisogno di sciorinare tutto il proprio bagaglio tecnico, dando vita a sterili esercizi di stile, anziché scrivere canzoni di senso compiuto ("Commemorative 9/11 T-Shirt", "Unfamiliar", "The Frame" e "Savant" mostrano una semplicità di fondo ammirevole a dispetto del minutaggio). Il quintetto di Manchester non bissa l'elevatissima qualità di "Effloresce" ma c'è maturità tra questi solchi avendo ben metabolizzato certe influenze palesi in passato (Tool e King Crimson su tutte). Fossi in voi, prenderei senza riserve.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Commemorative 9/11 T-Shirt; Trail Of Fire; Savant; Sleeping Dogs And Dead Lions.


Questa recensione é stata letta 3828 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Oceansize - Self Preserved While The Bodies Float UpOceansize
Self Preserved While The Bodies Float Up

NEWS


25/02/2011 Sciolti
29/11/2010 Il Videoclip di "SuperImposer"

tAXI dRIVER consiglia

Stone Gossard - BayleafStone Gossard
Bayleaf
Santo Niente - Il Fiore DellSanto Niente
Il Fiore Dell'Agave
Melissa Auf Der Maur - Auf Der MaurMelissa Auf Der Maur
Auf Der Maur
Division Of Laura Lee - Black CityDivision Of Laura Lee
Black City
Waax - Big GriefWaax
Big Grief
Meganoidi - And Then We Met Impero EPMeganoidi
And Then We Met Impero EP
Primus - Animals Should Not Try To Act Like PeoplePrimus
Animals Should Not Try To Act Like People
Pearl Jam - Immagine In Cornice [DVD]Pearl Jam
Immagine In Cornice [DVD]
Lingua - All My Rivals Are Imaginary GhostLingua
All My Rivals Are Imaginary Ghost
 Afterhours
Siam Tre Piccoli Porcellin