Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Pearl Jam - Backspacer (Monkey Wrench)

Ultime recensioni

Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable
Come To Grief - When The World DiesCome To Grief
When The World Dies
Sirom - The Liquified Throne of SimplicitySirom
The Liquified Throne of Simplicity
Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru
Wo Fat - The SingularityWo Fat
The Singularity

Pearl Jam - Backspacer
Autore: Pearl Jam
Titolo: Backspacer
Anno: 2009
Produzione: Brendan O'Brien
Genere: rock / alternative / grunge

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Pur avendo odiato a morte l'Avocado (Come Back esclusa ovviamente) e apprezzato un disco oggettivamente bruttino (ma di cui tuttora ascolto il lato sperimentale) come Riot Act, sapevo che i Pearl Jam non potevano abbandonare i propri fan in un mare di mediocrità. L'inevitabile sbando del cambio dei tempi, dell'ingresso in un'età da dinosauri del rock, del cambio di etichetta e di stile di vita non poteva essere indolore. E la band di Seattle, lo sappiamo, è sempre stata molto "emotiva". Ecco che questo Backspacer (titolo che vuole consigliarci di cancellare proprio i passi zoppi?) ci dona finalmente i Pearl Jam che conosciamo. Ovvio, non quelli grunge che arrivano fino a No Code, ma quelli più rock e asciutti di Yield, capaci di alternare brani grintosi con ballate crepuscolari.

Siamo ovviamente lontani dall'illuminazione giovanile, dalla voce che ti trascina in abissi infiniti, dagli assoli epici di Mike, dai geniali riff di Stone. Ma quello loro lo hanno già fatto e sarebbe disumano richiederglielo.

E' un disco bello carico, decisamente più grintoso rispetto alla media attuale dei dischi rock, e la band picchia come non mai: finalmente si sente il valore aggiunto di avere un Matt Cameron dietro alle pelli.

I primi due pezzi pezzi sono una bel carrarmatorock alla The Who (Gonna See My Friends) e regaleranno grandi gioie dal vivo (Got Some). Il singolo The Fixer è certamente l'episodio più debole del disco, complice la linea vocale decisamente scontata e irritante.

Il disco prosegue con reminescenze garage, ballate alla Into The Wild (Just Breathe), pezzi punk alla Mudhoney (Supersonic, che ricorda anche Mankind), autocitazioni (Unthought Known è un misto fra Wishlist e Nothingman), episodi rock soul (Speed Of Sound) fino al finale enfatico (Force Of Nature) seguito dal "The End" solo chitarra e voce.

Il primo disco indipendente (la major Universal distribuisce nel resto del mondo ma negli States esce su MonkeyWrench, etichetta del gruppo) e il ritorno con Brendan O'Brien dietro al mixer è contemporaneamente il disco che ti aspetti dai Pearl Jam. Ma senza la cupezza e con un equilibrio generale sconvolgente. Un disco che però esce nel momento giusto per cucirselo addosso e garantirti quel calore di cui si ha bisogno.

Promosso. Con grande gioia.

[Dale P.]

Canzoni significative: Supersonic, Speed Of Sound.

Questa recensione é stata letta 4994 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Pearl Jam - BinauralPearl Jam
Binaural
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Pearl Jam - Immagine In Cornice [DVD]Pearl Jam
Immagine In Cornice [DVD]
Pearl Jam - Live At Easy Street EPPearl Jam
Live At Easy Street EP
Pearl Jam - Live At The Garden [DVD]Pearl Jam
Live At The Garden [DVD]
Pearl Jam - Lost DogsPearl Jam
Lost Dogs
Pearl Jam - No CodePearl Jam
No Code
Pearl Jam - Pearl JamPearl Jam
Pearl Jam
Pearl Jam - Riot ActPearl Jam
Riot Act
Pearl Jam - TenPearl Jam
Ten
Pearl Jam - VitalogyPearl Jam
Vitalogy
Pearl Jam - VsPearl Jam
Vs
Pearl Jam - YieldPearl Jam
Yield

Live Reports

20/06/2000VeronaArena
22/06/2000MilanoFilaforum
14/09/2006BolognaPalamalaguti
20/09/2006PistoiaPiazza Duomo
15/06/2007VeneziaHeineken Jammin Festival
24/06/2008New YorkMadison Square Garden

NEWS


08/12/2011 Annunciano Il Tour Europeo
17/07/2010 Video di Amongst The Waves
26/01/2007 Data Estiva In Italia
23/04/2006 Cinque Concerti In Italia
05/03/2006 In Arrivo il Nuovo Album
07/02/2006 Il Tour Parte Dall'Italia?
17/03/2005 Qualche Nuova Certezza
06/12/2004 Rumor Pit

tAXI dRIVER consiglia

Tomahawk - Mit GasTomahawk
Mit Gas
 Tre Allegri Ragazzi Morti
La Testa Indipendente
The Ringo Jets - The Ringo JetsThe Ringo Jets
The Ringo Jets
TV On The Radio - Return To Cookie MountainTV On The Radio
Return To Cookie Mountain
Black Midi - CavalcadeBlack Midi
Cavalcade
White Stripes - ElephantWhite Stripes
Elephant
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Lecrevisse - Le Piccole Foglie EPLecrevisse
Le Piccole Foglie EP
Pearl Jam - Immagine In Cornice [DVD]Pearl Jam
Immagine In Cornice [DVD]
Lingua - All My Rivals Are Imaginary GhostLingua
All My Rivals Are Imaginary Ghost