´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Really From - Really From (Topshelf)

Ultime recensioni

Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
BrÝi - Corpos TransparentesBrÝi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Mis■yrming - Me­ HamriMis■yrming
Me­ Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade
Dead Cross - IIDead Cross
II
Just Mustard - Heart UnderJust Mustard
Heart Under
Otoboke Beaver - Super ChamponOtoboke Beaver
Super Champon
Caustic Casanova - Glass Enclosed Nerve CenterCaustic Casanova
Glass Enclosed Nerve Center
The Lovecraft Sextet - MiserereThe Lovecraft Sextet
Miserere
Gaerea - MirageGaerea
Mirage
Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut

Really From - Really From
Autore: Really From
Titolo: Really From
Anno: 2021
Produzione: Sai Boddupalli
Genere: rock / post-rock / jazz

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Really From





C'Ŕ chi si lamenta che il rock Ŕ morto, che gli accordi sono quelli, le melodie pure, le linee vocali non sono infinite. E poi c'Ŕ chi questi limiti li ha superati da tempo e sa che non c'Ŕ proprio nessun limite.

Un tempo fu il post-rock a scavalcare la classica struttura rock alternativa, sebbene i pi¨ anziani si ricordano che fin dai primordi del genere Ŕ esistito il jazz-rock, la fusion, il progressive. Insomma, ognuno ascolta quello che gli capita: il rock non Ŕ mai morto e non ha bisogno di ritornare.

Questa prolissa introduzione serve per presentare chi mette a frutto decenni di svalicamento del rock: i bostoniani Really From, precedentemente "noti" come People Like You. Maestri nei rispettivi strumenti (chitarra, basso, batteria, tromba) mescolano il jazz con l'emo (quello anni 90, non quello dei ragazzini depressi). Un'unione che potrebbe far storcere il naso eppure basta unire i due punti con il post-rock e il gioco Ŕ fatto. BhŔ Ŕ fatto se maneggiate gli strumenti con abilitÓ.

Questo disco omonimo Ŕ quindi un "must have" per ascoltatori curiosi e sbilenchi, che cercano sempre un modo per andare al di lÓ. Se gli inglesi hanno i Black Country New Road gli americani hanno i Really From. E, forse, sono anche meglio.

[Dale P.]

Canzoni significative: Apartment Song, Quirk.


Questa recensione Ú stata letta 424 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

LL'Altra
In The Afternoon
Karate - Cancel/SingKarate
Cancel/Sing
Brutus - NestBrutus
Nest
Jambinai - ONDAJambinai
ONDA
Sigur Ros - Me­ Su­ I Eyrum Vi­ Spilum EndalaustSigur Ros
Me­ Su­ I Eyrum Vi­ Spilum Endalaust
 Miranda
Whale Shit
caroline - carolinecaroline
caroline
Grails - Black Tar Prophecies VolGrails
Black Tar Prophecies Vol's 1,2, & 3
Paper Chase / Red WormPaper Chase / Red Worm's Farm
Paper Chase Meet Red Worm's Farm
Vanessa Van Basten - Vanessa Van BastenVanessa Van Basten
Vanessa Van Basten