Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Galilean Satellites - Rosetta (Translation Loss Records)

Ultime recensioni

Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennanöh - Longing for BelongingZola Mennanöh
Longing for Belonging
Molassess - Through The HollowMolassess
Through The Hollow
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough

Rosetta - Galilean Satellites
Voto:
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / post-metal / sludge
Scheda autore: Rosetta


Compra Rosetta su Taxi Driver Store


Nel veloce mondo dell'underground basta un mese di ritardo per passare da fenomeno di culto a semplice poser di passaggio. I Rosetta arrivano dopo il milionesimo gruppo che suona come gli Isis, senza averne la classe. O semplicemente il carisma.

Il problema dei followers è proprio questo: ripercorrere le orme senza lasciare il segno. Inevitabilmente la gente non si accorgerà di te.

Allora perchè siamo qui a parlare dei Rosetta? Perchè siti stranieri ben informati ce li segnalano come grande promessa. E in più, per distinguersi, producono un album doppio. Perchè se già ascoltare 70 minuti di urla, perenni crescendo e arpeggi distorti non vi basta qua potete averne per quasi due ore.

I più furbi di voi preferiranno mettere in repeat "Panopticon", andare a farsi un giro in vespa, prendersi un aperitivo con una bella ragazza. Ma se siete proprio stoner (mentre noi dei semplici poser) allora procuratevi questo "Galilean Satellites" sedetevi sul divano con un altro amico come voi, preparatevi bong, chilum, cartine e filtri e sparatevi questo viaggio dimensionale di lunga, lunghissima durata.

E gli stoners di cui sopra non faranno certo male: il disco è infatti un bell'esempio di postcore psichedelico pesante come un macigno e viaggioso come un buon trip. L'unico difetto risiede nella totale mancanza di originalità e idee. La band si sbrodola a sentire che il suono ricorda tanto quello della band di Aaron Turner e così anche noi.

Il consiglio è il solito. Triste dire "only for fans" ma non ce la sentiamo di incensare un disco così derivativo, per quanto bello.

[Dale P.]

Canzoni significative: Departe, Absent.

Questa recensione é stata letta 3753 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Rosetta - A Determinism Of MoralityRosetta
A Determinism Of Morality

Live Reports

20/07/2011TorinoSpaziale Festival

NEWS


11/09/2014 Ascolta La Nuova Soot

tAXI dRIVER consiglia

Callisto - True Nature UnfoldCallisto
True Nature Unfold
Neurosis - The Eye Of Every StormNeurosis
The Eye Of Every Storm
Battle Of Mice - A Day Of NightsBattle Of Mice
A Day Of Nights
Keelhaul - Subject to Change Without NoticeKeelhaul
Subject to Change Without Notice
Pelican - Pelican EPPelican
Pelican EP
Ocean, The - PrecambrianOcean, The
Precambrian
Kongh - Shadows Of The ShapelessKongh
Shadows Of The Shapeless
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Burst - Lazarus BirdBurst
Lazarus Bird
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing