Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Remind Me Tomorrow - Sharon Van Etten (Jagjaguwar)

Ultime recensioni

Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Nova Twins - Who Are The Girls?Nova Twins
Who Are The Girls?

Sharon Van Etten - Remind Me Tomorrow
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Jagjaguwar
Anno: 2019
Produzione: John Congleton
Genere: pop / rock / indie
Scheda autore: Sharon Van Etten



Dopo una lunga sequenza di autoproduzioni, esattamente 10 anni fa Sharon Van Etten debuttò con l'album "Because I Was In Love", presentandosi come una piccola Cat Power country. Stessa voce fragile, stessa malinconia, stesso caschetto da maschiaccio e stesso visino angelico. 10 anni dopo, un po' come accadde a Chan, è totalmente cambiata: in pace con se stessa e con il suo aspetto, ma soprattutto con la sua musica. In un certo senso Sharon ora ha la grinta di Patti Smith, la stessa voglia di farsi portavoce e la stessa enfasi sonora. Un bel salto che a Sharon riesce per metà, finendo, per nostra fortuna, incastrata nella sua natura imperfetta. Fra arrangiamenti elettronici (Comeback Kid, che ricorda un po' Zola Jesus), schitarrate, momenti ambient e canzoni solitarie "Remind Me Tomorrow" è il disco della svolta di Sharon ma anche un disco ricco di momenti da ricordare (Seventeen, su tutto).

Un album da sviscerare e inevitabilmente da amare. Ma se volete i timidi bozzetti sonori del passato lasciate perdere.

[Dale P.]

Canzoni significative: Seventeen, Jupiter 4.


Questa recensione é stata letta 150 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Neil Finn - & Friends - 7 Worlds CollideNeil Finn
& Friends - 7 Worlds Collide
R.E.M. - RevealR.E.M.
Reveal
Neil Finn - One NilNeil Finn
One Nil
Grand Transmitter - Under The Wheel EPGrand Transmitter
Under The Wheel EP
24 Grana - Metaversus Deluxe24 Grana
Metaversus Deluxe
Lara Martelli - Orchidea PorporaLara Martelli
Orchidea Porpora
Peeping Tom - Peeping TomPeeping Tom
Peeping Tom
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Nick Cave - GhosteenNick Cave
Ghosteen