Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Sharon Van Etten - Remind Me Tomorrow (Jagjaguwar)

Ultime recensioni

Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Gateways to Resplendence - Abhorrent ExpanseGateways to Resplendence
Abhorrent Expanse
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut
Dry Cleaning - StumpworkDry Cleaning
Stumpwork
Mamaleek - Diner CoffeeMamaleek
Diner Coffee
The Lord - & Petra Haden - DevotionalThe Lord
& Petra Haden - Devotional
The Pretty Reckless - Other WorldsThe Pretty Reckless
Other Worlds
Brutus - Unison LifeBrutus
Unison Life
Darkthrone - Astral FortressDarkthrone
Astral Fortress
Oxbow - Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not TodayOxbow
Peter Brotzmann - An Eternal Reminder of Not Today
Gilla Band - Most NormalGilla Band
Most Normal
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre
Colour Haze - SacredColour Haze
Sacred
Sonic Flower - Me And My Bellbottom BluesSonic Flower
Me And My Bellbottom Blues
The Bobby Lees - BellevueThe Bobby Lees
Bellevue
Off! - Free LSDOff!
Free LSD
Melvins - Bad Moon RisingMelvins
Bad Moon Rising
Ken Mode - NullKen Mode
Null
Gloria de Oliveira -  & Dean Hurley - Oceans Of TimeGloria de Oliveira
& Dean Hurley - Oceans Of Time

Sharon Van Etten - Remind Me Tomorrow
Autore: Sharon Van Etten
Titolo: Remind Me Tomorrow
Etichetta: Jagjaguwar
Anno: 2019
Produzione: John Congleton
Genere: pop / rock / indie

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Dopo una lunga sequenza di autoproduzioni, esattamente 10 anni fa Sharon Van Etten debuttò con l'album "Because I Was In Love", presentandosi come una piccola Cat Power country. Stessa voce fragile, stessa malinconia, stesso caschetto da maschiaccio e stesso visino angelico. 10 anni dopo, un po' come accadde a Chan, è totalmente cambiata: in pace con se stessa e con il suo aspetto, ma soprattutto con la sua musica. In un certo senso Sharon ora ha la grinta di Patti Smith, la stessa voglia di farsi portavoce e la stessa enfasi sonora. Un bel salto che a Sharon riesce per metà, finendo, per nostra fortuna, incastrata nella sua natura imperfetta. Fra arrangiamenti elettronici (Comeback Kid, che ricorda un po' Zola Jesus), schitarrate, momenti ambient e canzoni solitarie "Remind Me Tomorrow" è il disco della svolta di Sharon ma anche un disco ricco di momenti da ricordare (Seventeen, su tutto).

Un album da sviscerare e inevitabilmente da amare. Ma se volete i timidi bozzetti sonori del passato lasciate perdere.

[Dale P.]

Canzoni significative: Seventeen, Jupiter 4.


Questa recensione é stata letta 293 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Neil Finn - & Friends - 7 Worlds CollideNeil Finn
& Friends - 7 Worlds Collide
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Grand Transmitter - Under The Wheel EPGrand Transmitter
Under The Wheel EP
Ben Harper - Diamonds On The InsideBen Harper
Diamonds On The Inside
Paolo Benvegnù - Piccoli Fragilissimi FilmPaolo Benvegnù
Piccoli Fragilissimi Film
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
R.E.M. - RevealR.E.M.
Reveal
Crash Test Dummies - PussCrash Test Dummies
Puss'n'Boots
Beatles, The - LoveBeatles, The
Love
Sharon Van Etten - Remind Me TomorrowSharon Van Etten
Remind Me Tomorrow