Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Black Jazz - Shining (Indie)

Ultime recensioni

Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Boris - & Merzbow - 2R0I2P0Boris
& Merzbow - 2R0I2P0
Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio

Shining - Black Jazz
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Indie
Anno: 2010
Produzione: Jorgen Munkeby
Genere: metal / black metal / jazz
Scheda autore: Shining



Al quinto disco i norvegesi Shining fanno il botto con un disco che definire esagerato e' un eufemismo: black metal, industrial, jazz, progressive, avanguardia mescolati in un calderone originale e sopra le righe.

"Blackjazz" e' un disco furbo ma allo stesso tempo ostico, capace di attrarre l'ascoltatore occasionale con brani dal forte impatto muscolare ma che graffiano grazie a stacchi vorticosi, scale impazzite e idee sbilenche. Il risultato e' in grado sia di eccitare che schifare chiunque venga approcciato tante le intuizioni qui contenute. Perchè se all'interno troviamo sonorita' vicine all'avanguardia noise nello stesso brano convivono riff squadrati e compressi degni dei Fear Factory o di certo groove-metal. Ma superata l'esagerazione a fini commerciali scopriamo "Blackjazz" per quello che e': un album certamente non perfetto ma capace di illustrare al 100% la musica attuale. Freddo, glaciale, in grado di lasciare senza fiato nel suo incedere senza sosta in riff storti, suoni alieni e scatti fuori dalle righe.

Su tutto il disco regna un senso di devozione ai King Crimson. Dalla cover finale di 21st Century Schizoid Man agli stacchi, le idee, i suoni che attraversano l'album. Quel senso di freddo calcolo tipico di Robert Fripp qua e' esaltato come se fosse suonato da una band di robot devoti al verbo cremisi. Più della follia alla Zappa, piu' della liberta' di John Zorn, piu' del riffing alla Enslaved. Come un Carboniferous suonato da una band vera, realmente metallara e capace di vendersi con credibilita' alle masse come nuova speranza del metal mondiale.

Se affrontato con la giusta mentalita' "Blackjazz" accontentera' sia i fan del piu' becero progmetal che quelli del noisecore (a tratti Orthrelm e Lightning Bolt non sembravano cosi' lontani) cosi' come potra' schifare entrambi. L'importante e' che non generi fastidiosissimi cloni.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 3250 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


07/10/2011 Trailer del DVD

tAXI dRIVER consiglia

Deathspell Omega - ParacletusDeathspell Omega
Paracletus
Mizmor - CairnMizmor
Cairn
Oranssi Pazuzu - KosmonumentOranssi Pazuzu
Kosmonument
Ettrick - Sudden Arrhythmic DeathEttrick
Sudden Arrhythmic Death
Gallhammer - Ill InnocenceGallhammer
Ill Innocence
Werian - AnimistWerian
Animist
Blut Aus Nord - HallucinogenBlut Aus Nord
Hallucinogen
Mgla - Age Of ExcuseMgla
Age Of Excuse
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Triptykon - Eparistera DaimonesTriptykon
Eparistera Daimones