´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Spotlights - Alchemy For The Deads (Ipecac)

Ultime recensioni

Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage

Spotlights - Alchemy For The Deads
Autore: Spotlights
Titolo: Alchemy For The Deads
Etichetta: Ipecac
Anno: 2023
Produzione: Mario Quintero
Genere: metal / post-metal / shoegaze

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Alchemy For The Deads





Ci sono band che sono un culto fin dalla loro nascita, che per qualche motivo non riescono ad essere ascoltati dal pubblico, neanche quello di genere, ma che sono supportati da artisti vicini a loro. Vengono in mente i 27 che ce li ricordiamo in tre eppure erano su Hydra Head Records. Qualcuno di pi¨ si ricorda i Keelhaul o i Jesuit sempre nel roster della label. Se la label di Aaron Turner fosse ancora attiva sicuramente gli Spotlights sarebbero fra i segreti meglio nascosti del roster mentre ora sono una band che nessuno ascolta del catalogo Ipecac.

Il trio, formato dai coniugi Quintero e completato da Chris Enriquez, Ŕ uno splendido mix di post metal e shoegaze che probabilmente farebbe la gioia dei giovanotti di oggi cresciuti a pane e Nothing e Cloakroom. Voce dimessa e sommersa da chitarroni, riffoni al confine con lo sludge, viaggi psichedelici, bassoni enormi e ritmi mai elevati. Come se gli Smashing Pumpkins fossero suonati alla metÓ della velocitÓ.

Purtroppo il disco viene penalizzato da una copertina totalmente sbagliata che mal si sposa con l'atmosfera heavy dream pop proposta dal trio. Peccato perchŔ se riuscirete a superare quell'ostacolo vi troverete ad ascoltare uno dei migliori dischi post-metal degli ultimi anni che in qualche modo risponde alla domanda "come suonerebbero oggi gli Isis?".

[Dale P.]

Canzoni significative: Algorithmic, Beyond The Broken Sky, False Gods.


Questa recensione Ú stata letta 442 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Spotlights - Love & DecaySpotlights
Love & Decay

tAXI dRIVER consiglia

Dirge - Elysian Magnetic FieldsDirge
Elysian Magnetic Fields
Great Falls - Objects Without PainGreat Falls
Objects Without Pain
Callisto - True Nature UnfoldCallisto
True Nature Unfold
A Storm Of Light - As The Valley Of DeathA Storm Of Light
As The Valley Of Death
Valerian Swing - A Sailor Lost Around The EarthValerian Swing
A Sailor Lost Around The Earth
Dead To A Dying World - ElegyDead To A Dying World
Elegy
Pyreship - Light Is A BarrierPyreship
Light Is A Barrier
5ive - Hesperus5ive
Hesperus
Solstafir - Svartir SandarSolstafir
Svartir Sandar
Neurosis - The Eye Of Every StormNeurosis
The Eye Of Every Storm