Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental elettronica

Vanessa Van Basten - Vanessa Van Basten (Autoproduzione)


Vanessa Van Basten - Vanessa Van Basten
rock / post-rock / post-metal

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Voto utenti (243):

Produzione:
Anno: 2006

Scheda autore: Vanessa Van Basten


Compra Vanessa Van Basten su Taxi Driver Store


Premessa doverosa: la testa pensante del progetto Vanessa Van Basten è Morgan Bellini, che i più attenti di voi avranno già notato nelle fila redazionali. Proprio Vanessa Van Basten ha fatto da unione. A Genova bene o male ci si conosce tutti e un talento così genuino era da scemi farselo scappare.

Vanessa Van Basten mostra genialità a partire dal nome, e allo stesso modo mostra conoscenza della materia fin dalla copertina. Questo disco d'esordio, nel suo appartenere alla scuola psichedelica del postcore/rock, evita tutti i vicoli ciechi in cui cadono attualmente un sacco di band (qualcuno ha nominato i Cult Of Luna?).

Invece di rifarsi ai Mogwai, i Vanessa Van Basten vanno ancora più in alto e finiscono in Norvegia, mescolando così gli Isis al Burzum più drogato. Ma non solo, le basi acustiche suggeriscono un altra matrice nera: quella del Seattle-sound più depresso, quello degli accordi di Jerry Cantrell (ascoltate "She Took Me To The Restaurant"). In questa depressione malata, drogata e solitaria (ricordiamo che Morgan fa tutto da solo, aiutato da pochi fidati amici) oltre al conte Grishnackh, i VVB, ricordano un altra mente sperimentatrice e "post": Justin Broadrick dei Jesu. Il tutto, incredibilmente, non è lontano dai viaggi psichedelici di Godspeed You!Black Emperor ed Explosion In The Sky.

Ma a parte le influenze, VVB si fanno notare per l'atmosfera "viaggiosa". Non è difficile immaginarci da soli di notte, seduti su uno scoglio solitario in riva al mare, illuminati solo dalle stelle e dalla luna, in compagnia di un bong e di uno lettore CD con dentro questo disco, provando odio e tristezza ma anche, paradossalmente, tanta tranquillità. Perchè di dischi così ne abbiamo sempre bisogno...

[Dale P.]

Canzoni significative: Concetto D'Incidente, She Took Me To The Restaurant.


Vota Questo Disco:

Questa recensione é stata letta 5162 volte!


Altre Recensioni

Vanessa Van Basten - La Stanza Di SwedenborgVanessa Van Basten
La Stanza Di Swedenborg
Vanessa Van Basten - Psygnosis EPVanessa Van Basten
Psygnosis EP

NEWS


03/03/2016 Ascolta La Puntata di NightShift con Ospite Morgan
09/08/2010 Due Nuovi Brani, Tracklist e Copertina
09/11/2006 Dettagli su "La Stanza Di Swedenborg"

tAXI dRIVER consiglia

*Shels - Plains Of The Purple Buffalo*Shels
Plains Of The Purple Buffalo
 Grails
Black Tar Prophecies Vol's 1,2, & 3
 Cods
Sperochettùstia
65 Days Of Static - One Time For All Time65 Days Of Static
One Time For All Time
Red Sparowes - Every Red Heart Shines Toward the Red SunRed Sparowes
Every Red Heart Shines Toward the Red Sun
Red Sparowes - At The Soundless DawnRed Sparowes
At The Soundless Dawn
Giardini Di Mirò - Rise And Fall Of Academic DriftingGiardini Di Mirò
Rise And Fall Of Academic Drifting
Don Caballero - What Burns Never ReturnsDon Caballero
What Burns Never Returns
Sigur Ros - Með Suð I Eyrum Við Spilum EndalaustSigur Ros
Með Suð I Eyrum Við Spilum Endalaust
Brutus - NestBrutus
Nest