Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Animist - Werian (Eisenwald Tonschmiede)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Werian - Animist
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2019
Produzione:
Genere: metal / black metal / psych
Scheda autore: Werian



Il recente "Old Star" dei Darkthrone è un disco che rispolvera il metal estremo e il doom degli anni 80 per costruire nuovi brani di malvagio black metal primordiale. I tedeschi Werian in un certo senso hanno la stessa intuzione ma facendosi ispirare da musica relativamente più moderna pur mantenendo quel gusto marcio e putrescente presente nel disco di Fenriz e Nocturno Culto. "Animist" è composto da tre lunghi brani (tutti abbondantemente sopra i 10 minuti) con suoni e strutture piuttosto particolari. Ad esempio l'iniziale "Hex" potrebbe essere un brano degli Om se fossero venuti su a pane e Mayhem: riff circolari, lento crescendo doom/sludge ed esplosioni black metal. "Blade of Heresy" inizia con una lunga intro arpeggiata per poi deflagare in un marcissimo riff metal/punk con voce sepolcrale. Alcuni stacchi quasi "alternative" (?) porteranno ad una divagazione strumentale pseudo prog con basso in evidenza che sfocia nel classico riff black metal di scuola Euronymous. E non è ancora finito: la seconda parte comprende una lunga meditazione psichedelica con crescendo alla Hawkwind che termina in furia cieca metal/punk! Pensate che questo minestrone possa suonare indigesto? Forse al primo impatto, ma "Animist" vi catturerà ascolto dopo ascolto con la sua atmosfera malsana e la sua palese originalità. Un piccolo classico estremo di questo 2019. Ovviamente registrato in presa diretta completamente in analogico.

[Dale P.]

Canzoni significative: Hex, Blade Of Heresy, March through Ruins.


Questa recensione é stata letta 86 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Wolves In The Throne Room - Celestial LineageWolves In The Throne Room
Celestial Lineage
Liturgy - AesthethicaLiturgy
Aesthethica
Liturgy - H.A.Q.Q.Liturgy
H.A.Q.Q.
Darkthrone - Old StarDarkthrone
Old Star
Frostmoon Eclipse - Death Is ComingFrostmoon Eclipse
Death Is Coming
Shining - Black JazzShining
Black Jazz
Ettrick - Sudden Arrhythmic DeathEttrick
Sudden Arrhythmic Death
Werian - AnimistWerian
Animist
Gallhammer - Ill InnocenceGallhammer
Ill Innocence
Menace Ruine - Union Of IrreconcilablesMenace Ruine
Union Of Irreconcilables