Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Animist - Werian (Eisenwald Tonschmiede)

Ultime recensioni

Dark Buddha Rising - MathreyataDark Buddha Rising
Mathreyata
Liturgy - Origin of the AlimoniesLiturgy
Origin of the Alimonies
Eternal Champion - Ravening IronEternal Champion
Ravening Iron
Thou - Emma Ruth Rundle - May Our Chambers Be FullThou
Emma Ruth Rundle - May Our Chambers Be Full
Golem Mecanique - Nona, Decima Et MortaGolem Mecanique
Nona, Decima Et Morta
Mr Bungle - The Raging Wrath Of The Easter Bunny DemoMr Bungle
The Raging Wrath Of The Easter Bunny Demo
Stabbing Westward - Hallowed HymnsStabbing Westward
Hallowed Hymns
AA.VV. - Dirt ReduxAA.VV.
Dirt Redux
Fuzz - IIIFuzz
III
Porridge Radio - Every BadPorridge Radio
Every Bad
Deftones - OhmsDeftones
Ohms
Tallah - MatriphagyTallah
Matriphagy
Exhalants - AtonementsExhalants
Atonements
Lump Hammer - BeastLump Hammer
Beast
Obsidian Kingdom - Meat MachineObsidian Kingdom
Meat Machine
Gargoyl - GargoylGargoyl
Gargoyl
Anna Von Hausswolff - All Thoughts FlyAnna Von Hausswolff
All Thoughts Fly
Blues Pills - Holy Moly!Blues Pills
Holy Moly!
Sprain - As Lost Through CollisionSprain
As Lost Through Collision
Thurston Moore - By The FireThurston Moore
By The Fire

Werian - Animist
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2019
Produzione:
Genere: metal / black metal / psych
Scheda autore: Werian



Il recente "Old Star" dei Darkthrone è un disco che rispolvera il metal estremo e il doom degli anni 80 per costruire nuovi brani di malvagio black metal primordiale. I tedeschi Werian in un certo senso hanno la stessa intuzione ma facendosi ispirare da musica relativamente più moderna pur mantenendo quel gusto marcio e putrescente presente nel disco di Fenriz e Nocturno Culto. "Animist" è composto da tre lunghi brani (tutti abbondantemente sopra i 10 minuti) con suoni e strutture piuttosto particolari. Ad esempio l'iniziale "Hex" potrebbe essere un brano degli Om se fossero venuti su a pane e Mayhem: riff circolari, lento crescendo doom/sludge ed esplosioni black metal. "Blade of Heresy" inizia con una lunga intro arpeggiata per poi deflagare in un marcissimo riff metal/punk con voce sepolcrale. Alcuni stacchi quasi "alternative" (?) porteranno ad una divagazione strumentale pseudo prog con basso in evidenza che sfocia nel classico riff black metal di scuola Euronymous. E non è ancora finito: la seconda parte comprende una lunga meditazione psichedelica con crescendo alla Hawkwind che termina in furia cieca metal/punk! Pensate che questo minestrone possa suonare indigesto? Forse al primo impatto, ma "Animist" vi catturerà ascolto dopo ascolto con la sua atmosfera malsana e la sua palese originalità. Un piccolo classico estremo di questo 2019. Ovviamente registrato in presa diretta completamente in analogico.

[Dale P.]

Canzoni significative: Hex, Blade Of Heresy, March through Ruins.


Questa recensione é stata letta 162 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Mgla - Age Of ExcuseMgla
Age Of Excuse
Menace Ruine - Union Of IrreconcilablesMenace Ruine
Union Of Irreconcilables
Ettrick - Sudden Arrhythmic DeathEttrick
Sudden Arrhythmic Death
Deathspell Omega - ParacletusDeathspell Omega
Paracletus
Shining - Black JazzShining
Black Jazz
Altar Of Plagues - MammalAltar Of Plagues
Mammal
Wolves In The Throne Room - Celestial LineageWolves In The Throne Room
Celestial Lineage
Oranssi Pazuzu - KosmonumentOranssi Pazuzu
Kosmonument
Deathspell Omega - The Furnaces Of PalingenesiaDeathspell Omega
The Furnaces Of Palingenesia
Liturgy - H.A.Q.Q.Liturgy
H.A.Q.Q.